Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Fredy, pm ha chiesto archiviazione: uccise per legittima difesa putativa

Fredy Pacini e l'avvocato Alessandra Cheli

Luca Serafini
  • a
  • a
  • a

Ladro ucciso, la procura di Arezzo ha chiesto l'archiviazione per Fredy Pacini. "E' legittima difesa putativa": questa la conclusione cui è pervenuto il pm Andrea Claudiani al termine delle indagini sulla morte di Vitalie Mircea, 29 anni, il 28 novembre 2018: era entrato per rubare nel capannone del gommista di Monte San Savino. Non c'è stato bisogno della nuova legge più permissiva: il magistrato ha applicato la scriminante ispirandosi al vecchio articolo del codice penale. In sostanza, ha ritenuto che pur in assenza di una reale aggressione alla persona, Pacini abbia agito in modo non perseguibile penalmente, per tutelare la sua incolumità. Svegliato di notte, al buio, si trovò di fronte i ladri che avevano spaccato col piccone l'ingresso, e vide baluginare qualcosa che poteva sembrare un'arma: non aveva vie di fuga nella ditta dove dormiva come sentinella esasperato dai furti. Ha creduto in assoluta buona fede di essere in pericolo. Andati a vuoto i tentativi di fermare i malviventi, con urli e dicendo di essere armato, fece fuoco. Fatale al ladro un colpo alla coscia esploso dal soppalco, con la pistola regolarmente detenuta, che provocò l'emorragia interna. I colpi erano rivolti verso il basso. Fredy Pacini nei giorni scorsi, accompagnato dall'avvocato Alessandra Cheli, è stato ascoltato nell'interrogatorio che ha chiuso le indagini. Determinante anche la perizia balistica con il manichino per ricostruire l'accaduto.