Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Recuperato tir precipitato dal viadotto Puleto nel 2016

Luca Serafini
  • a
  • a
  • a

Dopo due anni e mezzo rimosso il tir precipitato dal viadotto Puleto lungo la E45. Perse la vita il conducente di origine rumena.  Era il dicembre 2016 quando l'autoarticolato che procedeva in direzione Roma volò per 50 metri. Fondo ghiacciato, barriere laterali non in grado di trattenere il mezzo pesante. In corso anche una causa. Lunga e laboriosa l'operazione di recupero, preceduta da studi. Il carico venne subito tolto: pallet contenenti alimenti da pasticceria. Le operazioni di smontaggio sono state eseguite sotto la supervisione dei carabinieri forestali della Stazione di Pieve Santo Stefano, su incarico della Procura di Arezzo. Sono stati necessari quattro giorni di lavoro: i vari materiali sono stati tutti suddivisi in dei container, per poi essere inseriti nel ciclo di recupero e poi di smaltimento. E' stato necessario portare sul posto anche un escavatore da cantiere per agevolare la rimozione.  In tarda mattina su un maxi carrello fatto arrivare ad hoc – con autorizzazione a viaggiare anche in E45, visto il divieto di circolazione sopra il Puleto per i mezzi superiori a 35 quintali – ha portato via i due pianali, quello della motrice e l'altro del carrello. Quanto alla riapertura al traffico pesante, ancora non se parla: in corso l'incidente probatorio sul Puleto, legato all'indagine per omessa manutenzione del ponte ritenuto a rischio dalla procura. ARTICOLO DI DAVIDE GAMBACCI SUL CORRIERE DI AREZZO IN EDICOLA E ON LINE DEL 18 MAGGIO