Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Caso Guerrina, funerale per lo scheletro dell'ignoto

Luca Serafini
  • a
  • a
  • a

Caso Guerrina Piscaglia, funerale per lo scheletro dell'uomo rimasto ignoto che venne trovato durante le ricerche della donna. Le ossa, dopo quattro anni dal rinvenimento, sono rimaste senza attribuzione. Erano state spezzate e bruciate, poi gettate in un tombino nel cimitero di San Gianni, nel comune di Sestino, dove le scoprirono i carabinieri. Mistero su chi fosse l'uomo tra i trenta e i quaranta anni, come sia morto, se ucciso o deceduto per morte naturale, perché ridotto in quel modo e gettato nell'ossario. Mai individuati gli autori. Fatti tutti i tentativi, la procura di Arezzo con il pm Marco Dioni ha concesso il nulla osta alla sepoltura dopo che il tribunale ha emesso il "certificato di morte" della persona senza nome. Ora spetta al Comune di Sestino provvedere a sue spese a far rientrare i resti dall'obitorio dell'università di Pisa dove dove si trovano e procedere al seppellimento. Non si tratta di un vero funerale, con relativo rito, ma le spoglie dell'uomo senza nome avranno pace in modo adeguato. (Il video del cimitero) Lo scheletro venne trovato nell'aprile 2015 nel corso delle ricerche del corpo di Guerrina Piscaglia, scomparsa da Cà Raffaello, a pochi chilometri di distanza, il primo maggio 2014. Inizialmente si pensò potessero appartenere alla donna, ma l'ipotesi tramtonò subito quando emerse che erano di un uomo. Rimase in sospeso il giallo di San Gianni. Per la vicenda di Guerrina è stato condannato in via definitiva padre Graziano, il vice parroco, a 25 anni di reclusione che sta scontando nel carcere di Rebibbia. Per la Cassazione il mancato ritrovamento del cadavere non è ostativo alla sentenza di colpevolezza per omicidio e, appunto, soppressione di cadavere. Gratien Alabi Kumbayo ricorrerà alla Corte di giustizia europea, continua a dirsi innocente. E' stato il medico legale Marco Di Paolo ad eseguire gli accertamenti sulle ossa, risultati inutili per la vicenda di Guerrina. Elemento particolare, il ponte metallico nella dentatura dell'uomo, con fattura tipica dell'Est. Non è chiara l'epoca della morte. Buio completo. I Ris hanno prelevato il Dna, ora nella banca dati, a disposizione per ogni eventuale comparazione in futuro. ARTICOLO SUL CORRIERE DI AREZZO IN EDICOLA E ON LINE DEL 7 GIUGNO