Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Cantarelli: sindacato scrive al Prefetto, la fabbrica riparte

Luca Serafini
  • a
  • a
  • a

Crisi Cantarelli, il sindacato si appella al Prefetto di Arezzo Alessandra Guidi e chiede un incontro urgente per affrontare le varie questioni sul tappeto. Intanto la fabbrica di Terontola si riaccende dopo la pausa "tecnica" e inizia la produzione dei capi della prossima collezione che dovrebbe essere presentata a gennaio a Pitti Uomo. Situazione di totale incertezza per il futuro dopo la dichiarazione di insolvenza da parte del tribunale. Mentre il commissario giudiziale, avvocato Leonardo Romagnoli, studia i conti per poi elaborare la sua relazione, una drammatica lettera dei 120 dipendenti in cassa integrazione pone l'accento sul disagio di chi va avanti da aprile grazie agli anticipi dello Sportello Anticrisi della Provincia, ma con 600 euro al mese e molti arretrati da avere. Attivi sono rimasti 150 dipendenti per garantire la continuità produttiva che è ritenuta fondamentale. I problemi di tutti e 272 gli addetti e dei circa 500 dell'indotto vengono esposti nella lettera al prefetto Guidi firmata da Marisa Grilli e David Scherillo di Cgil e Cisl. Per ora a vuoto la richiesta di incontro col commissario. Silenzio tattico da parte dei potenziali acquirenti in attesa delle prossime decisioni. ARTICOLO SUL CORRIERE DI AREZZO IN EDICOLA E ON LINE DEL 18 NOVEMBRE