Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Gli alluvionati di via Romana: "Proteggiamo le case come a Venezia"

Francesca Muzzi
  • a
  • a
  • a

I vigili del fuoco hanno lasciato da poco via Capponi. E' venerdì mattina 23 agosto, il giorno dopo il secondo grande acquazzone che ha allagato soprattutto la zona di via Romana. La signora Lea Stopponi ci fa vedere dove era arrivata l'acqua lo scorso 27 luglio “e ieri di nuovo da capo. Tutto allagato. Se non si decidono a fare le fognature, qua sarà sempre così”. Dalla casa accanto arriva un'altra signora. “Il mio nome non importa - dice arrabbiata - Siamo stufi. Stufi di questa amministrazione che non si è vista dal 27 di luglio. Io ho avuto di nuovo danni”. I residenti ci accompagnano fino al sottopasso di via Capponi. Ci sono i nastri bianchi e rossi dei vigili del fuoco. Lo hanno chiuso. “Se non ripuliscono le grate e i tombini come pensano di risolvere la situazione?”. Tornando dal sottopasso passiamo di fronte ad una casa. Anche questa ha una protezione di legno. “Sembra di stare a Venezia e invece siamo ad Arezzo". ARTICOLO SUL CORRIERE IN EDICOLA IL 24 AGOSTO E ON LINE