Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Pieroni: "Chi non onora la maglia, via a gennaio"

Ermanno Pieroni

Francesca Muzzi
  • a
  • a
  • a

Alza la voce Ermanno Pieroni. Non lo fa spesso, per questo, quando lo fa, significa che il momento non è dei migliori. Ed è così. Il pareggio sul campo della Pro Vercelli con un gol e un uomo di vantaggio ha lasciato tanto amaro in bocca. E rabbia. Il direttore generale dell'Arezzo non le manda a dire. Alla squadra, ai giocatori. Pieroni comincia piano. “La squadra ha sicuramente un potenziale superiore agli attuali undici punti. Da ora in poi occorre lavorare a testa bassa e recuperare posizioni in classifica. A cominciare dalla partita di domenica 27 ottobre contro la Giana Erminio. E' il momento di stringere i denti”. Poi però Pieroni alza i toni e se la prende con i giocatori che dopo la partita di Siena, si sono persi. “Ho un pallido ricordo dello spirito e dell'impegno della gara al Franchi. Non mi piacciono i giocatori che non dimostrano di essere degni della maglia amaranto”. Per questo da ora in avanti, ci sarà una maggiore attenzione verso i calciatori: “Chi non onora l'Arezzo, a gennaio potrà già andare via". ARTICOLO IN EDICOLA SUL CORRIERE IL 25 OTTOBRE E ON LINE