Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Mamma racconta: "Mio figlio ventenne si è giocato tutto alle slot"

Francesca Muzzi
  • a
  • a
  • a

“Mamma ti prego, ho bisogno di aiuto, non ce la faccio più”. Teresa (nome di fantasia), fino a quel giorno di un anno fa, pensava che suo figlio appena 22enne si drogasse. Gli aveva fatto fare anche un test tossicologico, di quelli che si comprano in farmacia. La realtà invece era un'altra. “Mio figlio nel giro di tre anni aveva perso più di 40mila euro alle slot”. Oggi è in cura al Serd, il servizio della Asl che si occupa delle dipendenze e Teresa dice: “Voi non immaginate quanti ragazzi ci sono”. La storia della donna, che ha chiesto l'anonimato e di suo figlio, comincia circa quattro anni fa. “Il mio ragazzo è sempre stato un tipo allegro, gioioso. Poi d'un tratto è cambiato. Era molto nervoso e ben presto mi sono resa conto che aveva a che fare con i soldi. Lo stipendio che prende al lavoro - circa 1.100 euro - non gli bastava per arrivare a fine mese”. Alla fine è proprio il ragazzo a chiedere aiuto. “Un giorno è venuto da me e mi detto:‘mamma aiutami. Da solo non ce la faccio'. Da lì ho scoperto tutto. In tre anni aveva perso alle slot, quelle macchinette che sono nei bar, oltre 40mila euro. Praticamente ci buttava tutto il suo stipendio”. ARTICOLO IN EDICOLA SUL CORRIERE IL 15 NOVEMBRE 2019 E ON LINE