Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arezzo, la Curia rivuole i terreni della squadra di calcio e della sagra: oggi decide il giudice

Francesca Muzzi
  • a
  • a
  • a

Ci siamo. Oggi, mercoledì 4 marzo, il giudice onorario Andrea Mattielli ascolterà le ultime ragioni e poi sempre nella giornata di oggi o al massimo domattina, sapremo a chi avrà dato ragione. Se alla Curia o al Gs Olmo. Siamo arrivati all'ultima puntata di una vicenda che ha tenuto banco per oltre due anni. Da una parte la Curia vescovile che rivuole i terreni dati in concessione, mezzo secolo fa dalla parrocchia, dall'altra la società sportiva, Gs Olmo che su quei terreni ha investito per oltre 50 anni. Oggi, non si tratta “solo” di un campo sportivo, ma anche delle tribune, delle cucine che servono anche agli organizzatori della Sagra della Bistecca. Investimenti “per un totale di quasi 200mila euro”, dicono i dirigenti della società che in un batter d'occhio potrebbero ritrovarsi con un pugno di mosche in mano. Stamani i dirigenti della società, alcuni di loro sono anche gli organizzatori della Sagra, chiederanno al giudice di non essere sfrattati, prima di tutto, di potere continuare a giocare e a divertirsi, ma in caso contrario che almeno venga riconosciuto il valore dei fabbricati. Dall'altra parte la Curia non sente ragione. Rivuole quei terreni che sono edificabili, magari per costruirci sopra qualcosa. Forse appartamenti, dicono a Olmo, la frazione alle porte di Arezzo che sta tutta con il fiato sospeso. Che succederà se il giudice decidesse di dare ragione alla chiesa?  ARTICOLO SUL CORRIERE DI AREZZO IN EDICOLA MERCOLEDì 4 MARZO 2020 E ON LINE