Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coronavirus, all'Istituto di Agazzi tampone per altri 150 operatori

Antonella Lunetti
  • a
  • a
  • a

Dalla mattinata di lunedì 30 marzo inizia a tappeto l'esecuzione dei tamponi per il Covid19 su tutti i 150 operatori sanitari che, al momento dei primi contagiati, erano in servizio nelle strutture dell'Istituto di Agazzi. Lo ha stabilito la direzione del noto centro di riabilitazione ortopedica e neurologica insieme al servizio di Igiene della Asl Toscana Sud Est. Il quadro al momento all'interno dell'Istituto è di altri due contagiati. Si tratta di addetti ai servizi amministrativi e logistici della struttura sanitaria. Dopo i primi tre contagi da Coronavirus - che avevano riguardato una paziente che era stata già dimessa e due operatori del reparto di Riabilitazione post-acuta - erano infatti risultati tutti negativi i tamponi che erano stati disposti su tutti i 25 pazienti attualmente ricoverati nel reparto, così come sul personale - una trentina di persone - che presta servizio negli stessi ambienti. Ad emergere però i due casi positivi degli addetti a servizi amministrativi e logistici. “Le persone con tampone positivo - ha comunicato l'Istituto di Agazzi - non manifestano sintomi di alcun tipo e sono state immediatamente poste in quarantena. Non risulta che abbiano avuto contatti diretti considerati a rischio con operatori della assistenza. In accordo con l'ufficio Igiene della Asl Toscana sudest, considerate le ultime direttive provenienti dalla Regione Toscana, è stato deciso di effettuare una ampia mappatura epidemiologica e di sottoporre a tampone tutti gli operatori dell'Istituto, anche del Servizio per Disabilità Intellettiva”, che ricovera attualmente circa cento pazienti, anche gravi. Si tratta quindi di effettuare il test del Covid19 su almeno 150 operatori sanitari. E i prelievi partiranno da oggi. “Rispetto ai due nuovi casi positivi - ha precisato il direttore sanitario dell'Istituto di Agazzi, Giampiero Lapini - siamo quasi certi che il virus sia stato contratto fuori". ARTICOLO COMPLETO SUL CORRIERE IN EDICOLA E ONLINE LUNEDI' 30 MARZO 2020