Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coronavirus, in 45 giorni il Calcit raccoglie 600 mila euro e dona protezioni ai sanitari

Antonella Lunetti
  • a
  • a
  • a

Generosità da guinness: gli aretini donano 600 mila euro al Calcit per la lotta la Covid19. Al 22 aprile, sono esattamente 594.247,27 gli euro raccolti per combattere il Coronavirus. In soli 45 giorni le donazioni sono da record. Privati, associazioni, imprenditori e famiglie hanno affidato la loro beneficenza alla trasparenza e alla concretezza del Comitato Autonomo per la Lotta contro i Tumori con lo scopo di combattere il Coronavirus. Ed il Calcit ha ancora una volta garantito efficienza dimostrando la intramontabile serietà. Puntuale, ed infaticabile, l'impegno e la generosità del Comitato Autonomo contro i tumori, che da subito si è attivato, tramite i volontari per essere una valida stampella della sanità utilizzando le donazioni per mettere in sicurezza il personale sanitario impegnato nell'emergenza sia dell'ospedale San Donato che degli ospedali di ogni vallata, da quello di Bibbiena a quello di Sansepolcro, compreso la Gruccia in Valdarno e la Fratta in  Valdichina. Già spesi 390mila euro. Appena arrivate altre 19.000 mascherine chirurgiche certificate CE che si aggiungono a 38.000 mascherine ffp2 - di cui 29.00 già distribuite -, 200 mascherine ffp3, 20.500 mascherine chirurgiche, 2.000 tute di vari tipo, 112 occhiali, e 15.000 guanti; nella lunga lista delle spese per contrastare il Coronavirus rientra anche un contributo di 10mila euro per l'acquisto di un ecografo mylab9 per la radiografia e l'acquisto di alcuni concentratori di ossigeno per l'Hospice, riservati a chi ha difficoltà respiratorie e finanziati interamente dall'associazione Avad, oltre alla dotazione all'ospedale di dieci letti multicare grazie ad un'azienda aretina che ha donato 13mila euro.  ARTICOLO COMPLETO SUL CORRIERE DI AREZZO IN EDICOLA DOMENICA 26 APRILE 2020.