Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Castiglion Fibocchi, il prete disegna le "X" sulle panche per pregare a distanza di sicurezza

Il geometra Roberto Bruschi

Francesca Muzzi
  • a
  • a
  • a

Lo aveva detto una settimana fa e lo ha fatto. Don Adriano Ralli insieme al geometra Roberto Bruschi si sono armati di metro e nastro adesivo e hanno segnato con una “X” le panche della chiesa di Castiglion Fibocchi. Fedeli a distanza di circa due metri l'uno dall'altro. Per il momento, quelle panche verranno poco riempite, perché le Messe continuano a non essere celebrate con i fedeli. Ma quella che all'inizio sembrava solo una proposta, alla fine è diventata realtà. “Ho preso un nastro di quelli che si usano dai carrozzieri per ridipingere le auto - spiega don Adriano - e insieme al geometra Bruschi abbiamo segnato con una ‘X' i posti dove i fedeli si possono mettere a sedere. Considerato che ogni panca è larga circa quattro metri, abbiamo due persone per seduta”. “E' vero - sottolinea ancora il parroco di Castiglion Fibocchi - che le Messe non si possono dire alla presenza dei fedeli ma è anche vero che ogni domenica ci sono le suore in chiesa quando dico la Messa e penso che sia giusto mantenere le distanze di sicurezza come dicono”. E così dentro la chiesa di Castiglion Fibocchi è un propagarsi di croci adesive in attesa che arrivi l'ok dal Governo e che anche le chiese possano riaprire al culto. Ma nonostante questa chiusura prorogata, don Adriano non è certo rimasto con le mani in mano.  ARTICOLO COMPLETO IN EDICOLA SUL CORRIERE IL 6 MAGGIO 2020 E ON LINE