Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arezzo, don Alvaro celebra la Messa in piazza Grande

Don Alvaro Bardelli

Francesca Muzzi
  • a
  • a
  • a

Piazza Grande e la Fraternita. Due luoghi simbolo per ricominciare dopo il lock down. Domenica 24 maggio alle ore 11, don Alvaro Bardelli celebra la Messa della prima domenica in piazza Grande. Una scelta condivisa con l'Arcivescovo Riccardo Fontana, con l'amministrazione comunale e con la Fraternita dei Laici. Considerato che la chiesa della Pieve, con le nuove restrizioni, poteva non riuscire a contenere tutti i fedeli, don Alvaro ha espresso il desiderio di celebrare in piazza Grande. Una scelta approvata dal Vescovo Fontana e dall'amministrazione, con in testa il sindaco Ghinelli, che si è subito messa al lavoro per organizzare la celebrazione. Anche in questo caso saranno rispettate tutte le regole anti coronavirus. E quindi niente assembramenti e i fedeli saranno disposti a distanza di sicurezza. Agli ingressi della piazza ci saranno i volontari per dirigere e sistemare chi vorrà assistere alla Messa. Per questo evento, c'è stato l'appoggio quasi primario della Fraternita dei Laici. La Messa infatti verrà celebrata sulla terrazza che si affaccia sulla piazza. Una scenografia naturale che verrà resa ancora più suggestiva dall'allestimento dell'altare. “Don Alvaro - sottolinea il primo rettore della Fraternita, Pier Luigi Rossi - è il nostro priore da due anni ed essendo anche l'arciprete della Pieve, abbiamo acconsentito volentieri a questa iniziativa”. “L'abbiamo sostenuta - dice ancora Rossi - perché sia il palazzo che la piazza rappresentano il simbolo di rinascita. E' bello ripartire davanti ad un palazzo che ha 750 anni e da una piazza che significa vita per tornare tutti insieme alla vita”.  ARTICOLO IN EDICOLA SUL CORRIERE DI AREZZO IL 23 MAGGIO E ON LINE