Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Riccioli: "Guardiamoci le spalle e se l'Alessandria cade..."

default_image

Francesca Muzzi
  • a
  • a
  • a

E' la prima settimana da secondi in classifica. L'Arezzo si gode la piazza d'onore, mentre aspetta domenica 12 febbraio alle 20.30, la Lucchese. Il diggì Riccioli parla di “un'altra partita difficile”. Anzi sottolinea: “La più difficile”, specificando poi come tutte “da qui alla fine del campionato non saranno una passeggiata”. Perché ora tutte aspettano l'Arezzo per fare la partita della vita. E riuscire a batterlo sarebbe di certo una notizia. Ma questo in casa amaranto si sa. Come si sa che domenica c'è bisogno di un'ulteriore prova anche da parte del pubblico. “Contiamo di avere uno stadio pienissimo. Penso che l'Arezzo abbia bisogno di Arezzo”, sottolinea ancora il direttore generale. Nessuna Giornata Amaranto in previsione, ma solo la prevendita dei biglietti che scatterà a partire da questa mattina. Con le solite modalità. “L'orario delle 20.30 è quello giusto - dice ancora Riccioli - e anche le previsioni meteo mettono tempo buono, quindi non ci sono scuse per non venire allo stadio”. L'Arezzo deve difendere il secondo posto, perché riuscire a mantenerlo fino alla fine sarebbe un grosso vantaggio in chiave play off. Ma si guarda al secondo posto, oppure quella prima piazza che oggi è distante otto lunghezze potrebbe sempre essere appetibile? Andrea Riccioli non ci pensa un attimo. Piedi per terra, prima di tutto: “Manteniamo questo secondo posto - dice - e stavolta guardiamoci le spalle nei confronti di Cremonese e Livorno. Se l'Alessandria dovesse inciampare, noi saremo pronti. Ma prima di tutto difendiamo questa seconda piazza. E l'unico modo per farlo è continuare a vincere”.  articolo in edicola e on line http://edicola.corrierediarezzo.it/corriere/singol/arezzo/index.html