Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Via 16 immigrati, ne arrivano 18. Il paese: "Presi in giro"

Francesca Muzzi
  • a
  • a
  • a

Si sentono presi in giro gli abitanti di Badia Agnano che hanno chiamato anche gli esponenti della Lega. Da lunedì 3 luglio al centro di accoglienza, teatro dell'episodio di sesso davanti a tre bambini, sono arrivati 18 nuovi migranti. I sedici che c'erano fino a domenica 2 luglio sono stati allontanati. Trasferiti in un altro centro di accoglienza. E' come se avessero pagato tutti per i due stranieri che, martedì scorso, si erano resi protagonisti di un episodio sul quale ancora stanno indagando i carabinieri. Tre bambini avrebbero raccontato di avere visto dalla propria casa due uomini mentre facevano sesso nel centro di accoglienza. Dietro o fuori da una porta finestra. Dopo le segnalazioni dei genitori e la denuncia per atti osceni, ecco dunque il provvedimento. “Ma invece di risalire e identificare i due, hanno mandato via tutti”, dicono gli abitanti di Badia Agnano. “Hanno pagato tutti e sinceramente a noi questo non sta bene”, continuano. E spiegano ancora: “Qua si parla tanto di integrazione, ma che tipo di integrazione volete che sia se dopo nemmeno qualche mese li mandano via. Noi non abbiamo chiesto di mandare via tutti, ma solo quei due che si sono resi protagonisti di quell'episodio”. E invece la prefettura ha deciso di trasferire tutti e sedici in un'altra struttura (Rigutino?) e di mandare a Badia Agnano altri diciotto immigrati. SERVIZIO COMPLETO SUL CORRIERE IN EDICOLA IL 4 LUGLIO 2017