Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Fanno finta di cadere dalle mura per un selfie: "Dai urla"

Francesca Muzzi
  • a
  • a
  • a

Fare finta di cadere dalle mura di Anghiari, sfidare il destino e uno strapiombo di oltre 15 metri correndo su quelle mura o facendo la lotta. E' questa l'ultima moda nel paese di Baldaccio. Protagonisti ragazzi che arrivano appena a 20 anni, magari “aiutati” da qualche birra in più come testimoniano le bottiglie raccolte sotto le mura, che mettono a repentaglio la propria vita per una foto da mostrare all'amico o per ricevere qualche like in più sui social. L'ultimo episodio risale a mercoledì scorso e a denunciare il fatto è Mirco Meozzi, ex consigliere di Anghiari che già aveva segnalato al sindaco ciò che sta succedendo specialmente quando il paese si anima durante una manifestazione. “Stavamo uscendo da via della Ronda – racconta Meozzi – per andare alla macchina. Ero insieme alla mia famiglia e ad altre persone ed era circa mezzanotte. Quando siamo arrivati più o meno all'altezza dell'ascensore dove le mura si allargano, ho notato subito un ragazzo seduto sul muretto. Facciamo altri due passi e arrivano quattro ragazzi. Due salgono in piedi sulle mura e cominciano a fare come gli equilibristi. Poi corrono - e già l'azione stessa è pericolosa - dove le mura fanno un angolo e cominciano a fare la lotta. Si spingono uno verso l'interno delle mura e l'altro verso l'esterno”. “Ma non è finita qui”, continua a raccontare l'ex consigliere comunale. “Perché non appena i due scendono dalla mura, prendono un altro ragazzo che era con loro e la scena diventa agghiacciante. Il ragazzo è di schiena. Due lo tengono per le gambe in modo che la parte superiore del corpo e la testa sono completamente nel vuoto. Un quarto ragazzo gli salta sopra e col telefonino gli dice: ‘urla come se tu avessi paura'”. SERVIZIO COMPLETO IN EDICOLA IL 25 AGOSTO 2017