Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

La figlia della Scarpellini: "Mia madre non è razzista, lettera strumentalizzata"

Margherita Scarpellini

Francesca Muzzi
  • a
  • a
  • a

La lettera, questa volta, l'ha inviata ai giornali e agli organi di informazione che hanno raccontato il suo caso. Quello di una giovane donna di 32 anni che si è innamorata di un migrante al quale insegnava italiano, della reazione di una madre (che è anche sindaco di Monte San Savino) quando la figlia le ha detto che amava quel ragazzo, di quelle frasi dal sapore razzista citate in un'altra lettera pubblicata (e poi rimossa) nel blog di Concita De Gregorio che hanno fatto esplodere un caso, sollevato da Cristiano Romani del Movimento Nazionale per la Sovranità Arezzo. Caso politico o vicenda personale? Ai lettori il compito di tirare le fila di una storia sulla quale ieri ha voluto mettere un punto proprio lei, Francesca Testi, la figlia del sindaco di Monte San Savino Margherita Scarpellini. Questo il testo: “Apprendo con tristezza e mortificazione l'inutile polemica intrapresa nei confronti di mia madre. La lettera che ho inviato ormai più di dieci giorni fa al blog della De Gregorio è stata da me fatta rimuovere tempestivamente (poco più di 24 ore) in quanto il mio messaggio poteva essere mal interpretato e perché il mio titolo era ‘Chi è il mio prossimo?' Mai e poi mai avrei voluto che mia madre venisse accusata di razzismo o intolleranza. Queste sono solo calunnie prive di fondamento. Lei stessa, oltretutto, ha vissuto la difficoltà di essere immigrata in un paese straniero e proprio per questo lei meglio di altri comprende l'intolleranza, l'indifferenza e i pregiudizi di chi ti ospita ma ti guarda come tu fossi un ladro o un delinquente a prescindere....". SERVIZIO COMPLETO SUL CORRIERE IN EDICOLA IL 16 SETTEMBRE 2017