Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Scarcerati, sorpresi a rubare dopo tre giorni

Francesca Muzzi
  • a
  • a
  • a

Sono tornati a delinquere i due tunisini, irregolari sul territorio, che da giorni si rendono responsabili di episodi di microcriminalità in giro per la città. Venerdì 13 ottobre la coppia di ventenni è stata sorpresa mentre rubava tra gli scaffali del supermercato UniCoop Firenze di via Vittorio Veneto a Saione. È stato il direttore del supermercato a sventare il furto e a fermare uno dei due all'esterno del supermercato con la merce rubata mentre il complice è riuscito a scappare correndo a gambe levate. Tempestivo anche l'intervento di una pattuglia della Polizia di Stato che ha consentito di identificare l'autore del furto denunciandolo assieme al complice. Il raid tra gli scaffali non è sfuggito infatti al direttore del market di via Vittorio Veneto, Roberto Tortoli. “Appena sono entrati nel supermercato - racconta Tortoli - mi sono insospettito. Li ho quindi seguiti a distanza e li ho visti proprio mentre si nascondevano la merce sotto i vestiti. Poi li ho inseguiti e sono riuscito a fermare uno di loro all'esterno recuperando la refurtiva che si era nascosto sotto gli abiti. Per motivi igienici poi, anche se recuperata, l'abbiamo comunque dovuta buttare”. Un colpo da poche decine di euro compiuto però con sfacciataggine è quello tentato dai due tunisini che continuano la scia di furti tra gli scaffali dei supermercati.  I due infatti, irregolari sul territorio e senza fissa dimora, sono ormai volti noti alle forze dell'ordine. Appena una settimana fa in via Michelangelo si sono resi responsabili dell'aggressione ai danni di un titolare di un esercizio pubblico preso a cazzotti per essersi rifiutato di dar loro del cibo gratuitamente.  Un violento episodio andato in scena sotto gli occhi attoniti e terrorizzati di passanti e tempestivamente sedato grazia agli agenti della Polizia Municipale intervenuti a tempo di record in mezzo al ring a cielo aperto. E come se non bastasse i due tunisini a distanza di meno di 48 ore, lunedì pomeriggio, erano stati sorpresi dai carabinieri nel parcheggio dell'Ipercoop di via Setteponti con il bottino della refurtiva - quattro paia di occhiali e abbigliamento vario - razziata tra gli scaffali per un valore di 730 euro. Al doppio arresto per furto aggravato in concorso era poi seguita la scarcerazione martedì 10 ottobre in quanto la Procura non aveva ravvisato che vi fossero elementi tali per la misura cautelare, inquadrando l'episodio come un fatto di lieve entità.  ARTICOLO IN EDICOLA SUL CORRIERE DI AREZZO IL 15 OTTOBRE 2017