Sargiano o Agazzi, purché si decida

Sargiano o Agazzi, purché si decida

03.04.2016 - 22:44

0

Tra pochi giorni ci sarà il millesimo sopralluogo sul possibile tracciato aretino della Due Mari. Questa volta tocca ai tecnici del Comune di Arezzo affiancarsi a quelli dell’Anas per valutare, se non la migliore, la più realistica tra le due soluzioni destinate a sostituire il vecchio e troppo costoso progetto del Nodo dell’Olmo: galleria sotto la collina di Sargiano per arrivare in linea retta da San Zeno alla Magnanina, o bretella a nord della collina di Agazzi per aggirare il nodo dell’Olmo arrivando dal casello autostradale? Nessuno è entusiasta, non lo era neppure l’ex sindaco Fanfani, della bretella che allungherebbe il percorso di 30 chilometri e non darebbe certo un bel contributo alla conservazione ambientale della collina di Agazzi: non lo è il sindaco Ghinelli che non ha mai nascosto di puntare sulla galleria, secondo un progetto che peraltro fu proposto a suo tempo dall’ufficio tecnico della Provincia, non fa salti di gioia neppure  Vincenzo Ceccarelli che, prima di ricevere dal Governatore   la delega alle infrastrutture della Toscana, è stato presidente della Provincia che con il suo ufficio tecnico ha sfornato negli anni una montagna di progetti, dalla quale l’Anas ha fatto partorire in 23 anni un topolino di 12 chilometri  da Palazzo del Pero alle Ville. Ma nessuno vuol correre il rischio che dal millesimo sopralluogo dell’Anas sulle colline aretine esca fra qualche anno un altro topolino. L’assessore regionale alle infrastrutture, dopo aver ricavato il massimo da un altro sopralluogo, questa volta con i vertici di Rfi alla stazione di Arezzo, sulla quale le Ferrovie  sono pronte ad investire 6 milioni sopraelevando tra l’altro i marciapiedi necessari al Frecciarossa, è passato ad una marcatura stretta sui vertici dell’Anas, prima in trasferta a Roma, e venerdì giocando in casa a Firenze insieme al sindaco Ghinelli.  Fallito il project financing  da tre miliardi di Strabag per il completamento della Due Mari, l’Anas ora ha a disposizione un miliardo  di soldi pubblici,  da investire per circa tre quarti nel tratto aretino. Ben venga il millesimo sopralluogo, purché questa volta non ci metta anni a partorire un cantiere. Ceccarelli e Ghinelli  hanno giocato con l’Anas una partita all’insegna del realismo, convincendone i vertici  a inviare i loro tecnici tra pochi giorni per valutare anche l’alternativa della galleria sotto Sargiano, prima di procedere con la soluzione proposta dal project di Strabag. Ma realistica è soprattutto la raccomandazione con la quale hanno concluso l’incontro con l’Anas. “Vogliamo – hanno detto in piena sintonia -. che si proceda il più velocemente possibile alla progettazione e alla realizzazione del tratto aretino della Due Mari, una infrastruttura strategica di grande valore per tutta l’area aretina”.  Non c’è insomma, tempo da perdere, se si vogliono utilizzare i finanziamenti che una volta tanto arrivano dal ministero. Sargiano o Agazzi, non c‘è bisogno di un summit di ingegneria finanziaria per capire che, dopo la  rinuncia al Nodo dell’Olmo  sopra la galleria ferroviaria perché impiegherebbe tre quarti dei settecento milioni disponibili per l’intero tratto aretino, la partita tra Agazzi e Sargiano si gioca sui costi più che sul valore ambientale. Non è detto che tutto e subito si possa avere: di certo nessuno vorrà a Sargiano un’altra galleria della Guinza, inutilizzata da decenni nelle Marche perché non c’erano altri soldi per farci passare un metro di Due Mari.  E l’Anas un pò di soldi del milione a disposizione vuol spenderli proprio prima e dopo la Guinza. Il simbolo, insieme alla Salerno - Reggio Calabria, delle grandi incompiute italiane. Renzi ha promesso di inaugurare entro l’anno una delle due grandi incompiute. Ceccarelli e Ghinelli per il tratto aretino della Due Mari in fondo hanno solo chiesto di vedere prima possibile l’avvio dei lavori.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Sirene spiegate e applausi, l'omaggio dei vigili del fuoco agli operatori sanitari a New York

Sirene spiegate e applausi, l'omaggio dei vigili del fuoco agli operatori sanitari a New York

(Agenzia Vista) New York, 04 aprile 2020 Sirene spiegate e applausi, l'omaggio dei vigili del fuoco agli operatori sanitari a New York I vigili del fuoco di New York hanno reso omaggio agli operatori sanitari in prima linea per combattere l'emergenza coronavirus, fermandosi con le sirene spiegate ad applaudire fuori dagli ospedali. Fonte: Twitter Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

 
Coronavirus, Tremonti: "Eurobond sarebbero stati soluzione maestra"

Coronavirus, Tremonti: "Eurobond sarebbero stati soluzione maestra"

(Agenzia Vista) Roma, 04 aprile 2020 Coronavirus, Tremonti: "Eurobond sarebbero stati soluzione maestra" La videovconfereza di Europa Etica dei cittadini e delle autonomie, con la partecipazione di Giulio Tremonti, del presidente di Federterziario, Nicola Patrizi, del presidente dell'associazione Guido Carli, Federico Carli e con Angelo Polimeno Bottai, presidente di Eureca e vicedirettore del ...

 
Video Elettra Lamborghini, piccolo paziente e due infermiere ballano all'ospedale Musica (e il resto scompare)
Social

Video Elettra Lamborghini, piccolo paziente e due infermiere ballano in ospedale Musica (e il resto scompare)

"Il video più bello che vedrai oggi". Esulta Elettra Lamborghini nel pubblicare un filmato sul suo profilo Instagram. E ha ragione. Si tratta di immagini molto particolari, soprattutto in piena quarantena da Coronavirus. Mostrano, infatti, un piccolo paziente dell'Ospedale Pausilipon di Napoli mentre balla in corsia insieme a due infermiere, sulle note del brano Musica (e il resto scompare), ...

 
De Luca: "A Pasqua state a casa e fate la pastiera anche se sarà una sozzeria"

De Luca: "A Pasqua state a casa e fate la pastiera anche se sarà una sozzeria"

(Agenzia Vista) Napoli, 04 aprile 2020 De Luca: "A Pasqua state a casa e fate la pastiera anche se sarà una sozzeria" "A Pasqua non rilassiamoci, e’ un periodo delicato, rimanete a casa, magari imparate a fare pranzi e dolci. Fate le pastiere. Non dico di mangiarle, almeno le prime saranno una sozzeria, ma dopo i primi esperimenti impareremo. L’importante è che rimaniate in casa”. Così il ...

 
Vasco Rossi e la musica: "Così facciamo urlare le idee. Arrivano al cuore"

Social

Vasco Rossi e la musica: "Così facciamo urlare le idee. Arrivano al cuore"

La forza nella musica. Anche e soprattutto in tempo di Coronavirus. Vasco Rossi, attivissimo sui social negli ultimi tempi, esalta con un post sui suoi profili l'importanza ...

04.04.2020

Video Elettra Lamborghini, piccolo paziente e due infermiere ballano all'ospedale Musica (e il resto scompare)

Social

Video Elettra Lamborghini, piccolo paziente e infermiere ballano in corsia

"Il video più bello che vedrai oggi". Esulta Elettra Lamborghini nel pubblicare un filmato sul suo profilo Instagram. E ha ragione. Si tratta di immagini molto particolari, ...

04.04.2020

Un posto al sole si ferma a causa del Coronavirus, dal 6 aprile le repliche della sedicesima stagione

Televisione

Un posto al sole si ferma a causa del Coronavirus, dal 6 aprile le repliche della sedicesima stagione

Un posto al sole si ferma a causa del Coronavirus. La popolare soap opera da lunedì 6 aprile 2020 andrà in onda riproponendo gli episodi della sedicesima stagione, girata a ...

04.04.2020