BancaEtruria: tante stranezze, una sola fine

BancaEtruria: tante stranezze, una sola fine

03.12.2017 - 14:56

0

Come direbbe Renzi, BancaEtruria era solo una banchetta: di certo non era Lehman Brothers, la prima e unica banca americana fallita per i titoli tossici. Eppure sulla fine di BancaEtruria, quando siamo ancora solo all’inizio dei lavori della Commissione d’inchiesta sulle banche, ce n’è già abbastanza, e anche di più che sul fallimento del gigante finanziario americano, perché possa occuparsene il regista J.C. Chandor con un suo film, come Margin Call che racconta il dramma  Lehman Brothers e suoi risparmiatori.  Il regista non avrebbe neppure tanto da faticare per la sceneggiatura di BancaEtruria: gli basterebbe leggere  i fiumi d’inchiostro che in questi giorni scorrono sulle pagine di tutti i maggiori quotidiani italiani. Ci troverebbe una trama già fatta, ancora prima che la Commissione volti pagina per occuparsi di banche e non banchette,  con capitoli pieni di dubbi, stranezze, suspence. Strano,- come ha detto in commissione il pm di Arezzo, Roberto Rossi, è che Bankitalia abbia inoltrato a BancaEtruria un invito di integrazione con la Popolare di Vicenza che era in condizioni simili.  E a saperlo poteva e doveva solo Bankitalia. Che, però, ha fatto di più: ha dato l’ok a Bpvi per annunciare il 28 maggio del 2014 il lancio dell’Opa sul 90 per cento del capitale di BancaEtruria a un euro per azione, il 25,8 per cento in più della quotazione in Borsa nel giorno del lancio dell’offerta.  Fulmini e saette, ma questi per ora non sono ancora caduti nella Commissione presieduta da Casini, entrarono nella sala del consiglio di Palazzo Cavallo, presieduta dal sindaco Fanfani, per opporsi all’Opa di Vicenza a tutela del radicamento nel territorio della banca aretina  che aveva 130 anni di vita. Anche i fulmini e le saette di Palazzo Cavallo potrebbero far parte della sceneggiatura del prossimo film , insieme all’esultanza di chi il 22 novembre del 2015 festeggiò la firma appena apposta da Renzi e Padoan sul decreto salvabanche che in realtà segnava la fine di BancaEtruria, la cancellazione dei suoi 65mila azionisti, l’azzeramento delle obbligazioni, per finire con il radicamento di BancaEtruria nelle mani, non di Vicenza, ma di Bergamo.  Neanche una parola sull’Opa fecero in tempo a dire gli azionisti. Per loro parlarono presidente e vicepresidente  di BancaEtruria, Lorenzo Rosi e Pierluigi Boschi, che insieme al Cda respinsero al mittente l’Opa, che significa offerta di acquisto per contanti e non per scambio di azioni come una Ops. Respinta senza convocare l’assemblea dei soci che, per legge, era la sola che poteva decidere se accettare o no l’offerta di un euro per azione.  Che il no a Vicenza, come afferma nella sua citazione il commissario liquidatore di BancaEtruria, Giuseppe Santoni, abbia provocato un mancato introito di 212 milioni, è facile capirlo con la semplice moltiplicazione del numero delle azioni per un euro. Più strano il fatto che, prima di firmare il primo e unico bail in applicato in Europa a quattro banche, sia stato respinto, per timore di una reprimenda dell’Europa, il piano di salvataggio del Fondo Interbancario, con risorse  ritenute pubbliche ma che  sono poi servite a salvare proprio la Popolare di Vicenza e  Veneto Banca, senza contare Mps. Meno strano il fatto che sia successo in Italia, piuttosto che in Germania, dove con fondi pubblici erano state già salvate circa 300 piccole casse di risparmio. Non è l’Italia il Paese dei due pesi, due misure?

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Eutanasia legale, Mara Maionchi sostiene "Liberi fino alla fine"

Eutanasia legale, Mara Maionchi sostiene "Liberi fino alla fine"

Roma, 17 set. (askanews) - Anche Mara Maionchi chiede al Parlamento di farsi vivo insieme ai protagonisti di "Liberi fino alla fine", la grande manifestazione/evento organizzata da Associazione Luca Coscioni in programma dalle 16 alle 23 di giovedì 19 settembre presso i giardini intitolati a Piergiorgio Welby, a Roma, in Piazza San Giovanni Bosco. A sei anni dal deposito della proposta di legge ...

 
Matteo Renzi lascia il Pd per una Casa nuova, Zingaretti: errore

Matteo Renzi lascia il Pd per una Casa nuova, Zingaretti: errore

Roma, 17 set. (askanews) - Con una intervista a La Repubblica, Matteo Renzi ha annunciato la rottura e la scissione dal Partito democratico. "Voglio passare i prossimi mesi a combattere contro Salvini", ha dichiarato l'artefice della nascita del governo giallo-rosso e della conseguente caduta del Matteo sovranista. I parlamentari che seguiranno il senatore fiorentino ed ex premier saranno una ...

 
Berselli (Autorità bacino): fermiamo rifiuti di plastica sul Po

Berselli (Autorità bacino): fermiamo rifiuti di plastica sul Po

Roma, 17 set. (askanews) - "Noi ci occupiamo ovviamente di pianificazione perché siamo l'autorità di bacino distrettuale. L'acqua del fiume è migliorata perché ci sono depuratori che stanno lavorando. E quindi dal punto di vista biologico la fauna ittica è aumentata. Però dobbiamo anche fermarci e discutere su quelli che sono gli inquinanti. In questo caso partiamo con la macro plastica quindi ...

 
"La professione del fabbro va tutelata", l'appello lanciato durante la Biennale dell'arte fabbrile

Stia

"La professione del fabbro va tutelata", l'appello lanciato durante la Biennale dell'arte fabbrile

"Il fabbro non è una figura professionale riconosciuta e stiamo lavorando (insieme ad un’agenzia formativa) per farla inserire nel catalogo delle figure professionali. Anche ...

31.08.2019

La Compagnia del Polvarone al Ferragosto Puggiulino con la commedia "La calunnia è un venticello"

Arezzo

Compagnia del Polvarone: in scena "La calunnia è un venticello"

Tradizionale appuntamento del Ferragosto Puggiulino di Arezzo con la Compagnia del Polvarone, che come consuetudine da alcuni anni presenta proprio a Le Poggiola l’anteprima ...

16.08.2019

Torna il Concorso Polifonico Internazionale ad Arezzo

Dal 17 al 24 agosto

Torna il Concorso Polifonico Internazionale ad Arezzo

La musica polifonica internazionale si incontra ad Arezzo: dal 17 al 24 agosto, la Fondazione Guido d’Arezzo rinnova l’appuntamento con il Concorso Polifonico Internazionale ...

11.08.2019