Un Giovanni aretino fuori dal coma dopo 33 anni

Un Giovanni aretino fuori dal coma dopo 33 anni

10.12.2017 - 13:13

0

C'era la P2, c'erano le stragi di Stato. Come si fa ad avere nostalgia di quegli anni? Neppure Andrea Scanzi che scava nell'animo e nella testa dei personaggi come una trivella, è riuscito a Passioni Festival a tirar fuori un po' di nostalgia di quel passato da un uomo come Walter Veltroni, che il passato lo ha vissuto, come oggi vive il presente, da protagonista della cultura italiana, ma che lo ha vissuto anche in prima linea sul fronte della politica. Al Circolo Artistico, dove Veltroni presentava "Quando", il suo ultimo libro, con Giovanni protagonista che si risveglia dal coma dopo 33 anni, a scovare un filo di nostalgia per il passato non c'è riuscito né con Veltroni né con i tanti aretini che degli anni del grande riscatto industriale e sociale della città sono stati testimoni e anche primattori, neppure un fuoriclasse della escavazione delle passioni italiane come Andrea Scanzi: inutile, dunque, riprovarci a fare i nostalgici di Arezzo dal dopoguerra in poi, compresi i trentatre anni avvolti nel coma di un qualunque Giovanni aretino che come quello di "Quando" a vent'anni avesse perso conoscenza davanti a Berlinguer morente. Nostalgia poca o niente, disillusione insieme ad ansia di cambiamento tanta. "Non è finita la voglia di cambiare le cose, vero Giulia? - Chiederebbe alla Giulia aretina il Giovanni aretino. Ora non siete tutti addormentati come ero io, vero Giulia? Ora che sono sveglio, non voglio restare di nuovo da solo. Dimmi che non è finito tutto, Giulia. Ti prego, dimmelo". Che avrebbe da rispondere Giulia? Potrebbe rassicurare Giovanni nella sua paura di restare solo? Potrebbe dirgli che c'è ancora in città quella voglia di cambiamento, quella passione civile che l'aveva governata per decenni? Abituato a parlare al telefono con la cornetta, farebbe un po' di fatica, ma poi ci riuscirebbe, a maneggiare 24 ore su 24 il cellulare. Ma come farebbe ad accettare che tante famiglie di amici arrivati al benessere, ora sono costrette a mangiare alla mensa della Caritas. Chi gli potrebbe spiegare perché non c'è più la sua banca, quella che aveva assecondato il miracolo economico aretino, quella che poteva elargire crediti senza il rischio che si deteriorassero? Potrebbe mai capirlo dalle risse in Tv tra i nuovi politici. E lui che in coma è entrato davanti ad una icona morente della sua sinistra, potrebbe mai capire perché gli eredi aretini di Berlinguer non governano più la città? "Quando" e come è successo? Per non rischiare di finire di nuovo in coma, avrebbe bisogno, come il Giovanni di "Quando", almeno delle carezze di una suora e di una ragazza psicologa. Anche per accompagnarlo fuori città dove lui aveva lasciato un'azienda con cinquemila donne al lavoro, e dove ora della Lebole troverà solo i ruderi. Eppure chi più di un Giovanni aretino che ha solo ricordi di una città solidale, piena di voglia di crescere, lui incontaminato dai veleni di un'epoca che non ha per sua fortuna conosciuto, può restituirle l'orgoglio perduto? Aiutarlo a conoscere la nuova città, vorrebbe almeno dire acquisire la consapevolezza di un compito al quale nessuno degli aretini da lui ritrovati può sfuggire. Altro che nostalgia!

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Brexit, Juncker incontra il premier britannico Boris Johnson

Brexit, Juncker incontra il premier britannico Boris Johnson

(Agenzia Vista) Lussemburgo, 16 settembre 2019 Brexit, Juncker incontra il premier britannico Boris Johnson Il presidente della Commissione Ue, Jean-Claude Juncker, incontra il primo ministro britannico, Boris Johnson, in Lussemburgo. Fonte: Ebs Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

 
Il giuramento dei sottosegretari, tra volti sereni e qualche gag

Il giuramento dei sottosegretari, tra volti sereni e qualche gag

(Agenzia Vista) Roma, 16 settembre 2019 Il giuramento dei sottosegretari, tra volti sereni e qualche gag La cerimonia del giuramento dei Sottosegretari di Stato nella Sala dei Galeoni, alla presenza del Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

 
Il giuramento del sottosegretario all'Istruzione Ascani

Il giuramento del sottosegretario all'Istruzione Ascani

(Agenzia Vista) Roma, 16 settembre 2019 Il giuramento del sottosegretario all'Istruzione Ascani La cerimonia del giuramento dei Sottosegretari di Stato nella Sala dei Galeoni, alla presenza del Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

 
"La professione del fabbro va tutelata", l'appello lanciato durante la Biennale dell'arte fabbrile

Stia

"La professione del fabbro va tutelata", l'appello lanciato durante la Biennale dell'arte fabbrile

"Il fabbro non è una figura professionale riconosciuta e stiamo lavorando (insieme ad un’agenzia formativa) per farla inserire nel catalogo delle figure professionali. Anche ...

31.08.2019

La Compagnia del Polvarone al Ferragosto Puggiulino con la commedia "La calunnia è un venticello"

Arezzo

Compagnia del Polvarone: in scena "La calunnia è un venticello"

Tradizionale appuntamento del Ferragosto Puggiulino di Arezzo con la Compagnia del Polvarone, che come consuetudine da alcuni anni presenta proprio a Le Poggiola l’anteprima ...

16.08.2019

Torna il Concorso Polifonico Internazionale ad Arezzo

Dal 17 al 24 agosto

Torna il Concorso Polifonico Internazionale ad Arezzo

La musica polifonica internazionale si incontra ad Arezzo: dal 17 al 24 agosto, la Fondazione Guido d’Arezzo rinnova l’appuntamento con il Concorso Polifonico Internazionale ...

11.08.2019