cannocchiale

Ma BancaEtruria valeva più di 17 milioni

17.12.2017 - 15:43

0

In una città martoriata dalla cancellazione della sua Banca per decreto del Governo che due anni fa firmò, prima ancora che entrasse in vigore,  l’unico bail in mai applicato in nessuna altra banca d’Europa che non fosse BancaEtruria, Cariferrara, BancaMarche, e Carichieti, c’è chi, a due anni di distanza, si abbandona ancora a  trionfalismi per un’altra firma del Governo.  Quella che domani verrà apposta sulla convenzione con il Comune di Arezzo per il via libera dei 17  milioni di coofinanziamento dei lavori del piano di riqualificazione delle periferie e delle aree degradate. A rivendicare l’arrivo dei 17 milioni è  il Pd, come primo partito della maggioranza di Gentiloni e  soprattutto di quella che sosteneva Renzi e Padoan  il  22 novembre del 2015 , il giorno della sentenza di morte di BancaEtruria che avrebbe avuto ben altri destini solo che Renzi e Padoan avessero  aperto le porte, invece che ai diktat  della Merkel, all’intervento in soldoni da mesi invocato e offerto dal Fondo interbancario e dal suo presidente Maccarone. Giorni drammatici, i cui effetti, in una spirale senza fine,   sono sotto gli obiettivi di tutta la stampa italiana e  delle telecamere delle Tv di tutto il mondo. Certo, BancaEtruria e piano di riqualificazione del degrado cittadino sono due grandezze incommensurabili. Ma proprio per questo appare, a dir poco,  fuori luogo l’appropriazione politica delle risorse destinate dal Governo alla città per la riqualificazione delle sue aree degradate, quasi che si trattasse di un risarcimento di una ferita che è ormai impossibile ricucire. Molto più plausibile, invece, il diritto che il Pd,  ad Arezzo forza non di governo ma di opposizione, rivendica nel tenere gli occhi aperti sui modi e i tempi di utilizzo dei 17 milioni di un Nuovo Piuss.  Un diritto, ma anche un dovere, non solo verso i suoi elettori, anche verso una città intera che, a metà di questa legislatura, vede inaugurare  solo opere finanziate e appaltate da quella precedente. Sono 23 i progetti compresi nel piano che da domani sarà concretamente finanziato: e tra questi  anche grandi opere, dalla viabilità con la soluzione dell’incrocio tra tangenziale e Via Fiorentina, il  prolungamento della tangenziale fino a Via Buonconte da Montefeltro, all’ambiente con il restauro dei Giardini della stazione, del Parco del Pionta, alla scuola con il risanamento di edifici scolastici.  Da domani sono disponibili le risorse per coofinanziare il piano, ma  domani è anche il primo dei 180 giorni entro i quali, per non correre il rischio che i 17 milioni vengano perduti, i progetti preliminari  presentati per ottenere i finanziamenti, dovranno diventare cantierabili.  Che si tratti di una corsa contro il tempo, lo prova il fatto che  il Comune per completare i progetti non si avvale solo dei suoi uffici tecnici, ma ha già affidato a professionisti esterni la progettazione  esecutiva di opere complesse come  il sottopasso sulla tangenziale all’incrocio con via Fiorentina. Una corsa contro il tempo per  non perdere, insieme ai 17 milioni, una grande occasione  per la riqualificazione di aree e infrastrutture strategiche per il futuro della città. Una occasione  troppo grande perché anche il Pd vada al di là delle rivendicazioni politiche e svolga il suo ruolo, quello di vigilare perché l’occasione non sia perduta.

 

 

 

 

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Il giuramento dei sottosegretari, tra volti sereni e qualche gag

Il giuramento dei sottosegretari, tra volti sereni e qualche gag

(Agenzia Vista) Roma, 16 settembre 2019 Il giuramento dei sottosegretari, tra volti sereni e qualche gag La cerimonia del giuramento dei Sottosegretari di Stato nella Sala dei Galeoni, alla presenza del Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

 
Il giuramento del sottosegretario all'Istruzione Ascani

Il giuramento del sottosegretario all'Istruzione Ascani

(Agenzia Vista) Roma, 16 settembre 2019 Il giuramento del sottosegretario all'Istruzione Ascani La cerimonia del giuramento dei Sottosegretari di Stato nella Sala dei Galeoni, alla presenza del Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

 
Ecco i 42 sottosegretari del Governo Conte II

Ecco i 42 sottosegretari del Governo Conte II

(Agenzia Vista) Roma, 16 settembre 2019 Ecco i 42 sottosegretari del Governo Conte II La cerimonia del giuramento dei Sottosegretari di Stato nella Sala dei Galeoni, alla presenza del Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

 
"La professione del fabbro va tutelata", l'appello lanciato durante la Biennale dell'arte fabbrile

Stia

"La professione del fabbro va tutelata", l'appello lanciato durante la Biennale dell'arte fabbrile

"Il fabbro non è una figura professionale riconosciuta e stiamo lavorando (insieme ad un’agenzia formativa) per farla inserire nel catalogo delle figure professionali. Anche ...

31.08.2019

La Compagnia del Polvarone al Ferragosto Puggiulino con la commedia "La calunnia è un venticello"

Arezzo

Compagnia del Polvarone: in scena "La calunnia è un venticello"

Tradizionale appuntamento del Ferragosto Puggiulino di Arezzo con la Compagnia del Polvarone, che come consuetudine da alcuni anni presenta proprio a Le Poggiola l’anteprima ...

16.08.2019

Torna il Concorso Polifonico Internazionale ad Arezzo

Dal 17 al 24 agosto

Torna il Concorso Polifonico Internazionale ad Arezzo

La musica polifonica internazionale si incontra ad Arezzo: dal 17 al 24 agosto, la Fondazione Guido d’Arezzo rinnova l’appuntamento con il Concorso Polifonico Internazionale ...

11.08.2019