Disabili: inclusione lavorativa traguardo lontano

dati

Disabili: inclusione lavorativa traguardo lontano

Rapporto della Fondazione studi dei consulenti del lavoro

03.12.2019 - 18:46

0

Roma, 3 dic. (Labitalia) - A vent’anni dall’approvazione della legge sul collocamento mirato (68/1999), l’inclusione lavorativa e sociale delle persone con disabilità, pur avendo fatto passi importanti in avanti, resta ancora un traguardo lontano da raggiungere. E' quanto emerge dal Rapporto 'L'inclusione lavorativa delle persone con disabilità in Italia', condotto dalla Fondazione studi dei consulenti del lavoro sui dati resi per la prima volta disponibili dal ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, relativi alle dichiarazioni Pid (Prospetto informativo disabili) che le aziende con più di 14 dipendenti sono tenute ad inviare ai fini del rispetto dell’obbligo normativo.

Secondo il Rapporto, presentato oggi in occasione della 'Giornata internazionale delle persone con disabilità', nel corso di una conferenza stampa al ministero del Lavoro dal ministro Nunzia Catalfo e dalla presidente del Consiglio nazionale dell'Ordine dei consulenti del lavoro, Marina Calderone, gli occupati con disabilità dipendenti presso le aziende italiane rappresentano un universo di quasi 360 mila lavoratori, in prevalenza uomini (58,7% contro il 41,3% delle donne), concentrati al Nord, rispettivamente il 32,6% nel Nord-Ovest e il 23,7% nel Nord-Est, con la Lombardia che, da sola, occupa ben il 21,5% del totale.

Uomo, tra i 50 e 59 anni, residente al Nord Italia, impiegato: è questo il profilo del lavoratore con disabilità che emerge dal rapporto. Secondo l'indagine, infatti, ben il 53,7% degli occupati ha superato i 50 anni e il 14,3% ne ha più di 60, mentre risulta estremamente ridotta la quota di quanti hanno meno di 40 anni (17,5%). Tale dato si discosta significativamente da quello generale dell’occupazione italiana alle dipendenze, dove la quota di 'under 40' e 'over 50' è abbastanza simile (rispettivamente 36% e 34%).

Si tratta di una tendenza che chiama in causa molteplici cause, dalle maggiori difficoltà che le persone con disabilità incontrano nell’ingresso al lavoro al meccanismo normativo che tende, per ragioni diverse, a sovradimensionare la componente più adulta. Dall'indagine emerge, inoltre, la pervasività del lavoro standard a tempo indeterminato, che interessa il 93,7% degli occupati, sebbene tra i giovani l’incidenza delle forme di lavoro temporaneo stia crescendo significativamente, interessando ormai il 27,9% degli occupati con meno di 30 anni e l’11,5% di quanti hanno tra i 30 e 39 anni.

Sì lavoro a tempo indeterminato ma ad alta incidenza di part time, più di un terzo (34,3%) degli occupati con disabilità, infatti, lavora secondo tale modalità, ma tra i giovani la quota è più elevata, interessando il 37,1% dei 40-49enni per arrivare al 49,3% degli 'under 30'. E dalla ricerca emerge l’elevata articolazione dei profili professionali: contrariamente alla rappresentazione spesso fornita dai media, la collocazione professionale delle persone con disabilità è molto differenziata: infatti, se il 36,2% ricopre un ruolo impiegatizio nel lavoro d’ufficio, il 19,8% si colloca ai vertici della piramide professionale, svolgendo una professione intellettuale o dirigenziale (5,3%) o una professione tecnica ad elevata specializzazione (14,5%). Tra le donne il livello di qualificazione professionale risulta ancora più elevato.

Dall'indagine emerge anche la netta caratterizzazione del lavoro pubblico rispetto al privato, sia da un punto di vista socio-demografico (il 49,9% delle persone con disabilità occupate nel pubblico sono donne e il 70% ha più di 50 anni) che professionale (il lavoro nel pubblico impiego è mediamente più qualificato) e, soprattutto, territoriale. Se su 100 occupati con disabilità 24 lavorano nel pubblico impiego, nel Sud Italia la percentuale sale al 34,3% (in Sardegna al 50,5%) contro il 26,6% del Centro, il 21% del Nord-Est e il 18,7% del Nord-Ovest.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Mes, Conte: "Italia non ha nulla da temere, nostro debito sostenibile"

Mes, Conte: "Italia non ha nulla da temere, nostro debito sostenibile"

(Agenzia Vista) Roma, 11 dicembre 2019 Mes, Conte: "Italia non ha nulla da temere, nostro debito sostenibile" "Italia non ha nulla da temere su Mes, nostro debito sostenibile". Così il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte durante le comunicazioni alla Camera dei Deputati in vista del Consiglio Euopeo. /courtesy Facebook Giuseppe Conte Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev agenziavista.it

 
Usa 2020, Bloomberg nella mischia cavalcando il climate change

Usa 2020, Bloomberg nella mischia cavalcando il climate change

Milano, 11 dic. (askanews) - "Sono qui perché il presidente Trump non c'è". Gioca la carta ambientale Michael Bloomberg, miliardario, filantropo e contendente democratico per la corsa alla Casa Bianca 2020. Al vertice sul clima delle Nazioni Unite, ha assicurato al mondo che "gli americani stanno continuando a guidare la lotta ai cambiamenti climatici, anche con un negazionista" come l'attuale ...

 
I soliti ignoti, il libro di Elena Santarelli da Amadeus: Così abbiamo combattuto la malattia di nostro figlio

la storia

Santarelli da Amadeus: Così abbiamo combattuto la malattia di nostro figlio

"Una mamma lo sa". E' il titolo del libro scritto da Elena Santarelli sulla vicenda di suo figlio Giacomo (nato dal matrimonio con l'ex calciatore di Siena, Bernardo Corrado) ...

11.12.2019

Gianni Morandi compie 75 anni. Una vita di successi, le canzoni più belle, le mogli e i figli. Il video

Musica

Video Morandi compie 75 anni. Le canzoni più belle, le mogli e i figli

Gianni Morandi, l'eterno ragazzo, pilastro della musica italiana, oggi 11 dicembre compie 75 anni. E' nato, infatti, a Monghidoro nel 1944. Cantante, ma anche attore e ...

11.12.2019

Sergio Leone, padre del western all'italiana. Chi era il regista e i suoi film entrati nella storia del cinema

CINEMA

Video Sergio Leone, padre del western all'italiana. Chi era e i suoi film capolavoro

"C'era una volta Sergio Leone". Della mostra ospitata all'Ara Pacis di Roma, Carlo Verdone ha parlato nel salotto di Porta a Porta del padrone di casa Bruno Vespa insieme a ...

11.12.2019