Mauro Meschini: "Arezzo dovrebbe volersi più bene"

POTERE AL POPOLO UNINOMINALE CAMERA

Mauro Meschini: "Arezzo dovrebbe volersi più bene"

28.02.2018 - 22:46

0

Un fiorentino così innamorato del Casentino  da decidere di viverci. Mauro Meschini è il candidato di Potere al Popolo nel collegio  uninominale  7 di Arezzo per la Camera.  Sposato, una figlia adolescente, 53 anni, lavora come assistente sociale occupandosi dell’accoglienza ai migranti. Alla professione unisce la  passione per il giornalismo - è una delle firme di Casentino 2000 - e la  politica. Quest’ultima, “dopo tutta la trafila nel Pci” come lui stesso la  definisce, passando per la Federazione giovanile, la svolta della Bolognina di Occhetto fino alla stagione di Romano Prodi, si interrompe proprio dopo  la caduta del governo del Professore. “Non mi sono più iscritto”. Da allora  il suo impegno lo porta nella galassia in continuo movimento della sinistra.  Il no a Leu, che definisce  “un Pd di seconda mano” e, a giugno dello scorso  anno, l’incontro con Potere al Popolo. “Qui vedo - sottolinea Meschini -  un’unione di tradizione e novità, qui ho incontrato persone che sono  espressione della sinistra”. E adesso la candidatura: “Mi hanno proposto e  non nascondo che per me è un grande onore, una responsabilità e un piacere.  Cosa succederà nel nostro collegio? Si parla di un esito incerto, noi  vogliamo fare qualche scherzo...”.

Migranti, rifiuti, acqua pubblica: sono solo alcuni dei punti al centro  della sua campagna elettorale. Ma lei propone anche di dare più poteri alle  Province.

 “Non vanno abolite, rappresentano un pezzo importante dello Stato. Se  vogliamo snellire gli apparati dobbiamo pensare ad altro, a quella miriade  di strutture di secondo livello che ancora esistono. Penso alle Ato e non  solo. Regioni, Province e Comuni sono organi elettivi e già questo rappresenta una garanzia. Alle Province potrebbero essere assegnati maggiori compiti in materia di acqua, rifiuti, le politiche territoriali che riguardano la sanità, mentre le Regioni dovrebbero occuparsi di programmazione”.

Migranti.  

“Il mondo non ha confini, ci sono soltanto delle linee sulle carte  geografiche. Le persone si spostano e tutti hanno il diritto di cercare una  vita migliore. Iniziamo a guardare dalle scelte che fa l’Occidente:  smettiamo di vendere le armi, di depredare le loro risorse. La Bossi-Fini poi è una legge sciagurata. C’è poi chi soffia sul fuoco, è da irresponsabili creare questo clima di odio”.

Capitolo acqua pubblica.

“L’esito del referendum era stato chiaro e pure  oggi ci rendiamo conto che i cittadini non hanno voce in capitolo. C’è invece la necessità, proprio oggi che i sindaci hanno dato il via libera alla proroga (alla convenzione con Nuove Acque, ndr) di restituire ai cittadini la capacità di incidere sulle decisioni”.

Rifiuti.

“Dobbamo puntare alla riduzione, al riciclo e al riuso. Il porta a porta poi è l’unico modo per fare la differenziata alla fonte. Molto più facile che dover intervenire dopo”.

In questi ultimi anni la vicenda Banca Etruria ha tenuto puntati i  riflettori su Arezzo.  

“Le banche non sono un fine, ma uno strumento, ossigeno a sostegno del  territorio, per aiutarlo a crescere. Nella banca in tanti hanno creduto e hanno perso i propri risparmi. Una vicenda grave se pensiamo a tutte le  persone che si sono trovate in difficoltà”.

Di cosa ha bisogno Arezzo per crescere?

 “Arezzo è una cartolina, ma è anche un territorio che dovrebbe volersi più bene ed essere più orgoglioso di quello che possiede. Che deve pensare a ciò  che la natura ci ha lasciato”.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Renzi: "Governo decida cosa fare da grande"

Renzi: "Governo decida cosa fare da grande"

(Agenzia Vista) Roma, 18 febbraio 2020 Renzi Governo decida cosa fare da grande Le parole di Matteo Renzi arrivando alla cena dei parlamentari di Italia Viva in un ristorante nel centro di Roma. Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

 
Prescrizione, Renzi: "Assenti al cdm per evitare spaccature"

Prescrizione, Renzi: "Assenti al cdm per evitare spaccature"

(Agenzia Vista) Roma, 18 febbraio 2020 Prescrizione, Renzi assenti al cdm per evitare spaccature Le parole di Matteo Renzi arrivando alla cena dei parlamentari di Italia Viva in un ristorante nel centro di Roma. Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

 
La Pupa e il secchione e viceversa 2020, Scalzi e Stefano vincono 20 mila euro. Stella cade sulle "caravelle"

Televisione

Video La Pupa e il secchione, Scalzi e Stefano vincono 20 mila euro

La Pupa e il Secchione 2020, la cui finale è andata in onda martedì 18 febbraio, è stata vinta dalla coppia Maria Scalzi e Stefano Beacco. La finale ha visto ...

19.02.2020

Il paradiso delle signore, nella fiction di Rai 1 Luciano Cattaneo scopre che Federico non è suo figlio

Soap

Il paradiso delle signore, nella fiction di Rai 1 Luciano Cattaneo scopre che Federico non è suo figlio

E' stata una delle puntate più seguite della fiction di Rai 1 "Il paradiso delle signore" quella nella quale Luciano Cattaneo scopre che Federico non è suo figlio. Una ...

19.02.2020

Pechino Express 2020, Asia Argento è fuori. Ecco chi vince la seconda tappa, si forma una nuova coppia

Sfida

Pechino Express 2020, Asia Argento è fuori. Ecco chi vince la seconda tappa, si forma una nuova coppia

Pechino Express 2020, il ginocchio di Asia Argento cede e lei è costretta a lasciare il programma. La tappa in Thailandia del viaggio guidato da Costantino della ...

19.02.2020