Vincenzo Ziccardi: "Svalutare la moneta, non il lavoro"

ITALIA AGLI ITALIANI-FORZA NUOVA UNINOMINALE CAMERA

Vincenzo Ziccardi: "Svalutare la moneta, non il lavoro"

01.03.2018 - 21:15

0

“Non siamo solo un’alternativa alla destra che che ha deciso di abbandonare ogni spirito nazionalista a favore dei governi sovranazionali ma siamo alternativa anche ad una sinistra che ha dimenticato i suoi principi smettendo di occuparsi dei lavoratori e dei loro diritti (un esempio su tutti il jobs-act)”. E’ Vincenzo Ziccardi, 35 anni di Lucignano che si occupa di scrittura di software e progettazione hardware, il candidato di “Italia agli italiani-Forza Nuova” che corre nel collegio uninominale per la Camera.

Perché, secondo voi, ad Arezzo c’è bisogno di politiche di destra e perché non sono state trovate convergenze con le altre forze della stessa area o con il centrodestra?

“Innanzitutto noi non ci definiamo di destra, la destra è filoatlantista, fra i nostri obiettivi politici - specificati nel nostro programma - c'è l'uscita dalla Nato”

Dopo i fatti di Macerata è tornato d’attualità il tema della gestione dell’immigrazione. Quali sono secondo voi i problemi qui ad Arezzo e quali dovrebbero essere le politiche per gestire il fenomeno?

“Per chi vive nelle città il tema dell'immigrazione è sempre stato attuale, l'episodio - o meglio, gli episodi - di Macerata dimostrano che siamo seduti su una polveriera pronta ad esplodere. Masse di persone alle quali non si può garantire un futuro dignitoso si appropriano di intere porzioni di città portando con loro tutta una serie di problematiche -come la mafia nigeriana e lo spaccio di droga - che non siamo pronti a gestire né economicamente né con la forza pubblica. La soluzione è un immediato ed umano rimpatrio di tutti gli stranieri che non hanno titoli per rimanere in Italia, come ben sappiamo infatti, son ben pochi gli esuli di guerra”.

Anche ad Arezzo il problema sicurezza è piuttosto sentito. Come si risponde ai cittadini che hanno paura?

“Noi, secondo le nostre possibilità, abbiamo già in passato organizzato delle passeggiate per la sicurezza che seppur non sono la soluzione al problema aiutano i cittadini a non sentirsi soli. Il problema non può essere risolto solo localmente ma a livello nazionale. Alle forze dell'ordine devono essere dati gli strumenti per poter garantire la loro presenza sul territorio, di contro, ai giudici devono essere fornite leggi che gli permettano di garantire certezza della pena ai i nuovi criminali. Trovare le risorse economiche necessarie però non sarà possibile fin quando saremo ingabbiati in questo sistema economico dettato dall'Europa. Attualmente la ricchezza non è più redistribuita e si è creato il paradosso di un paese che esporta scienziati e che importa mafiosi".

Il tema di Banca Etruria è al centro del dibattito politico. Come si recupera la fiducia dei cittadini nel sistema delle banche?

“Alle banche è successo ciò che è successo alla politica, hanno abbandonato i cittadini - credito al consumatore e all'impresa - a favore del credito agli amici degli amici o ai grandi gruppi di potere. Il fatto che la Boschi - che doveva lasciare la politica con Renzi dopo il referendum - sia stata ricandidata a Bolzano è emblematico. E' necessario innanzitutto le banche che fanno "affari" in borsa e quelle che invece si occupano di garantire il credito al popolo siano distinte. La casa è un diritto, ed è lo stato a doverlo garantire. Fra le azioni urgenti c'è quella di istituire un mutuo sociale che bypassando totalmente il sistema bancario permetta ai cittadini di accedere ad un credito statale".

Quali sono le misure che avete in mente per aiutare le imprese e le famiglie?

“Innanzitutto è necessario abolire il jobs-act ristabilendo l'articolo 18 in tutte le sue funzioni, regolamentare la presenza di multinazionali e di grande catene di distribuzione per garantire una giusta ed equa - quindi garantendo la vita - della piccola e media impresa sulla quale l'economia statale si è sempre basata. Immediata uscita dall'Euro e fiscal compact. Ciò che deve essere svalutato è la moneta, non il lavoro e la dignità dei propri cittadini”.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Al Bano arriva alla Fiera del Levante accompagnato da Emiliano

Al Bano arriva alla Fiera del Levante accompagnato da Emiliano

(Agenzia Vista) Bari, 20 settembre 2019 Al Bano arriva alla Fiera del Levante accompagnato da Emiliano Al Bano arriva alla Fiera del Levante di Bari accompagnato dal Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano. Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

 
Boccia: "Senza perequazione non c'è attuazione del Titolo Quinto"

Boccia: "Senza perequazione non c'è attuazione del Titolo Quinto"

(Agenzia Vista) Bari, 20 settembre 2019 Boccia: "Senza perequazione non c'è attuazione del Titolo Quinto" "Senza perequazione non c'è attuazione del Titolo Quinto". Così il Ministro per gli Affari regionali e le Autonomie Francesco Boccia, intervenuto a margine del convegno 'La giornata del Mezzogiorno – Regione Puglia, IPRES, SVIMEZ' presso la Fiera del Levante di Bari. Fonte: Agenzia Vista / ...

 
Al Bano: "Amo la Puglia e combatto i problemi di questa terra"

Al Bano: "Amo la Puglia e combatto i problemi di questa terra"

(Agenzia Vista) Bari, 20 settembre 2019 Al Bano: "Amo la Puglia e combatto i problemi di questa terra" "Amo la Puglia e combatto i problemi di questa terra". Così Al Bano, intervenuto a margine di un incontro alla Fiera del Levante di Bari con delle scolaresche nell'ambito del progetto di educazione ambientale 'Il BELLO del nostro RIFIUTO…io lo USO – Consiglieri Rivoluzionari in Partecip(AZIONE)',...

 
"La professione del fabbro va tutelata", l'appello lanciato durante la Biennale dell'arte fabbrile

Stia

"La professione del fabbro va tutelata", l'appello lanciato durante la Biennale dell'arte fabbrile

"Il fabbro non è una figura professionale riconosciuta e stiamo lavorando (insieme ad un’agenzia formativa) per farla inserire nel catalogo delle figure professionali. Anche ...

31.08.2019

La Compagnia del Polvarone al Ferragosto Puggiulino con la commedia "La calunnia è un venticello"

Arezzo

Compagnia del Polvarone: in scena "La calunnia è un venticello"

Tradizionale appuntamento del Ferragosto Puggiulino di Arezzo con la Compagnia del Polvarone, che come consuetudine da alcuni anni presenta proprio a Le Poggiola l’anteprima ...

16.08.2019

Torna il Concorso Polifonico Internazionale ad Arezzo

Dal 17 al 24 agosto

Torna il Concorso Polifonico Internazionale ad Arezzo

La musica polifonica internazionale si incontra ad Arezzo: dal 17 al 24 agosto, la Fondazione Guido d’Arezzo rinnova l’appuntamento con il Concorso Polifonico Internazionale ...

11.08.2019