Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

"Tovaglia a Quadri": dal 10 agosto c'è "Viadotta"

Antonella Lunetti
  • a
  • a
  • a

Inizia sabato 10 agosto Tovaglia a Quadri ad Anghiari. Tovaglia a Quadri, evento teatrale che si svolge dal 1996 fra le mura medievali di Anghiari, in provincia di Arezzo, definito dai suoi autori “cena toscana con una storia da raccontare in quattro portate”, arriva quest'anno alla sua ventiquattresima edizione ed è frutto della coproduzione fra la compagnia del Teatro di Anghiari come responsabile della parte artistica e l'Associazione Pro Anghiari, responsabile della parte organizzativa. Lo spettacolo, "Viadotta", che avrà luogo da sabato 10 a lunedì 19 agosto, alle ore 20.15, scritto come sempre dal direttore artistico del Teatro di Anghiari Andrea Merendelli e da Paolo Pennacchini, porta in scena come di consueto una storia centrata su problematiche del nuovo millennio che si fondono con le vecchie tradizioni del paese.  Le prime tredici sceneggiature sono state raccolte, nel volume Tovaglia a Quadri, tutte le storie, pubblicato nel 2009 con prefazione del critico teatrale Gianfranco Capitta. In quest'ottica, dopo il successo di "Ci amazzon" del 2018, amara riflessione sulle regole del mercato globale e sulle disastrose ricadute nelle economie locali, quest'anno si racconteranno storie di uomini e animali, lungo le antiche vie che fin dagli etruschi erano percorse dalle popolazioni rurali per "transumare" verso il mare. Palcoscenico deputato è la piazzetta del Poggiolino, luogo denso di significati per i suoi abitanti, una piazzetta lunga e stretta che si trova nel cuore del borgo.  “Un TIR carico di pecore non può transitare sull'ardito ponte di cemento: via nuova, fragile e ignorante. Uomini e animali guardano sotto, cercando i segni di zoccoli e scarponi. Transiti etruschi, romani e medievali: vie robuste e colte. Dai monti dell'Appenino toscano, strade di andata e ritorno verso la Maremma. Strade dissestate, buche un tempo nella polvere, fori oggi di catrame. A Caponero, vecchio stradino di Anghiari, bastava un semplice badile per ripristinare il traffico. Se si perde la via, si rischia di sbagliare strada e si fanno danni, come quelli imputati a una  bestia ibrida che si aggira ansimante sotto le nostre Mura…colpa del clima impazzito?” La cena è a cura di Donna Eleonora, l'origine dei prodotti agricoli del menù è garantita da Strada dei Sapori e Slow Food Valtiberina INFO E COSTI: Ingresso 45,00 euro. Prevendita e info: da mercoledì 1 Agosto presso l'ufficio turistico Pro Anghiari in orario 10 -12 e 17 – 18.30. Corso Matteotti 103 – Tel. 0575.749279.