Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Caselle-Melograno: nessun subaffitto. Cangi fa chiarezza

Francesca Muzzi
  • a
  • a
  • a

"La società ‘Il Melograno' raccoglie pubblicità per l'impianto delle Caselle. Non c'è nessuna corrispondenza con il settore giovanile dell'Arezzo che si allena in quei campi”. Paolo Cangi, proprietario della società “Il Melograno”, risponde alle critiche e alle domande su ciò che sta succedendo - in termini di gestione - all'impianto sportivo che si trova in via Fiorentina.  Le Caselle sono assegnate all'Arezzo dal marzo del 2017. La società amaranto - qualunque fosse la proprietà - ha l'obbligo di non subaffittare la struttura a nessuno. Quando a giugno è nato il Melograno, società tutta nuova e staccata dall'Arezzo, che sembrava dovere gestire il settore giovanile amaranto, ecco i primi mugugni che pare siano arrivati fino all'amministrazione comunale. Ci sarebbe infatti una segnalazione, perché il Melograno opera alle Caselle. E quindi ha in gestione la struttura? “Ma il vivaio dell'Arezzo è dell'Arezzo - specifica Paolo Cangi - Non c'entra assolutamente niente il Melograno. Quindi alle Caselle non esiste alcuna società in subaffitto. L'Arezzo sa bene che per dieci anni ha l'esclusiva di quell'impianto”. E allora che cosa è il Melograno. “E' una società che raccoglie pubblicità per le Caselle. E - specifica Cangi - solo per il settore giovanile. Non ci occupiamo di prima squadra”. La presenza di Vittorio Marini è “casuale. Nel senso che lavora sia per il Melograno che per il settore giovanile dell'Arezzo”.  ARTICOLO IN EDICOLA SUL CORRIERE E ON LINE