Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rissa in tribuna tra genitori mentre i figli giocano

Francesca Muzzi
  • a
  • a
  • a

Una manifestazione calcistica per ricordare Maurizio Palmini, si trasforma a Quarata, in uno spettacolo indecoroso. Non in campo, ma sugli spalti. Genitori che si picchiano mentre i bambini giocano. Torneo immediatamente sospeso e baby calciatori in lacrime. Il fatto è accaduto domenica 29 settembre a Quarata, dove la società Capolona Quarata aveva organizzato il memorial Palmini, per ricordare uno dei fondatori della scuola calcio. Al memorial erano state invitate sedici società da tutta la Toscana. In campo i bambini del 2012 e quelli del 2010. E' stato proprio durante la partita dei 2012 e quindi si sta parlando di bambini che hanno sette anni, che sulle tribune è scoppiato il caos. “Uno spettacolo indecoroso”, attacca Daniele Cantaloni, presidente del Capolona Quarata che racconta: “Durante la partita, una signora ha chiesto ad un babbo che si era messo sulla balaustra, se cortesemente poteva spostarsi, perché copriva la visuale. All'inizio l'uomo ha fatto finta di niente. O forse non aveva sentito. Allora la signora, mamma di uno dei ragazzi in campo, ha di nuovo fatto la stessa richiesta di spostarsi. E' stato a quel punto che l'uomo si è rivoltato contro ed ha cominciato ad inveire contro la donna”. Nel frattempo in campo i bambini che si erano accorti del caos in tribuna, hanno smesso di giocare e hanno iniziato a piangere, mentre sugli spalti la rissa degenerava e altri spettatori venivano coinvolti. “Un episodio - sintetizza il presidente - che non ha niente a che vedere con il calcio. Poteva capitare ovunque. Il pallone non c'entra, perché non è iniziata per un fallo in campo o una decisione arbitrale”. Prontamente sono stati chiamati i carabinieri che hanno placato la rissa e soprattutto calmato l'uomo.  ARTICOLO SUL CORRIERE IN EDICOLA IL 6 OTTOBRE E ON LINE