Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arezzo prima gioia dell'anno: batte 3-0 la Pergolettese

Francesca Muzzi
  • a
  • a
  • a

AREZZO (4-4-2): Pissardo; Luciani (23' st Picchi), Ceccarelli, Baldan, Corrado (16' st Sereni); Piu (16' st Belloni), Foglia, Tassi, Caso (23' st Borghini); Cutolo (29' Rolando), Gori. A disposizione: Daga, Mosti, Mosti, Mesina, Zini, Benucci, Cheddira. Allenatore: Daniele Di Donato PERGOLETTESE (4-2-3-1):Ghidotti; Fanti (15' st Russo), Lucenti, Bakayoko, Villa; Panatti (15' st Ferrari), Agnelli; Duca (21' st Brero), Franchi (15' st Canessa), Morello; Bortoluz (21' st Manzoni). A disposizione: Romboli, Malcore, Girgi. Allenatori: Fiorenzo Albertini - Gianni Piacentini  ARBITRO: Luca Zucchetti di Foligno (Mirco Carpi Melchiorre di Orvieto - Andrea Cravotta di Città di Castello) RETI: 31' Gori, 34' Cutolo, 22' st Foglia NOTE: Ammonito Fanti, Caso, Sereni. Minuti di recupero 1' e 3' L'Arezzo si regala la prima gioia del 2020, batte la Pergolettese 3-0 spreca occasioni e alla fine fa festa. Primo tempo chiuso in vantaggio di due reti e tutto sommato con una buona prestazione. Primo attacco dell'Arezzo al 5' con Cutolo che da dentro l'area conclude e la palla viene deviata in calcio d'angolo. Ancora Arezzo stavolta con Caso, ma il tiro viene respinto da Ghidotti. Al 16' ci pensa San Pissardo a mandare in angolo un colpo di testa ravvicinato di Bartoluz. L'Arezzo al 29' colpisce il palo: colpo di testa di Piu che spizzica il palo opposto a quello di Ghidotti. Al 31' l'Arezzo passa in vantaggio con Gori grazie ad un rasoterra dalla sinistra. Raddoppio dell'Arezzo (34') con Cutolo che parte palla al piede da metà campo arriva in area, scarica il sinistro che rimbalza su un difensore e poi va in rete. Alla fine del primo tempo Cutolo pecca troppo di egoismo e invece di passare palla la scarica addosso al portiere. Nella ripresa, stesse formazioni con la Pergolettese più viva rispetto all'Arezzo. Al 22' Foglia pennella una deliziosa punizione per il 3-0. Poi girandola di sostituzioni, in campo succede poco e alla fine tutti a festeggiare.