Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

L'Arezzo pulisce i campini. La squadra sta per tornare in città

Esplora:
default_image

Francesca Muzzi
  • a
  • a
  • a

– “Tagliano l'erba ai campini”. La voce fa alla svelta il giro della città e la conferma arriva da Daniele Lami, il diggì rientrato nell'Arezzo proprio per risolvere la diatriba con l'Amministrazione Comunale per i campini all'antistadio. “Sì è vero – conferma Lami - Abbiamo tagliato l'erba e ora li innaffiamo (guarda le foto). Manca ancora qualche dettaglio, ma siamo sulla strada giusta”. E la strada è quella che riporta l'Arezzo ad allenarsi in città. Manca la firma e dunque ancora tutto può succedere. E' anche vero, però, che il giardiniere amaranto non va sui campi di proprietà altrui a tagliare l'erba. Ci siamo. Ancora tanto così e i tifosi potranno riabbracciare la prima squadra. Ciò non toglie però che subito dopo il ritiro di Cascia, la prima partita di Coppa Italia a L'Aquila (leggi pezzo sopra ndr), l'Arezzo andrà giocoforza a Castiglion Fiorentino per proseguire la preparazione. I campini nonostante abbiano cominciato i lavori non saranno pronti almeno prima di un mese e nel frattempo la squadra continuerà ad allenarsi alla Nave dove spogliatoi e campo sono già pronti ad accogliere giocatori e tecnici. Sembra finalmente arrivata al capolinea la storia dei campini cominciata quando il presidente Ferretti annunciò di avere disdetto il contratto. Da allora erano cominciati i lavori al centro sportivo “Aretium”, ma nessuno – tifosi, Comune e lo stesso Capuano – aveva abbandonato l'idea di tornare ad allenarsi in città, almeno la prima squadra. La nomina di Daniele Lami doveva servire proprio a questo – all'inizio – e cioè a riportare l'Arezzo sui campi dei Funghini, o a trovare soluzioni alternative insieme al Comune. Daniele Lami – che oggi è diventato direttore generale dell'Arezzo – ci ha provato prima con la vecchia amministrazione e poi con la nuova. Insieme al neo assessore Lucia Tanti, nel giro di appena due settimane, la soluzione è stata trovata, merito anche di chi prima della Tanti, aveva seminato (Romizi). Ancora manca la firma ufficiale nell'accordo tra l'Arezzo e i Funghini. Come però era stato annunciato sabato subito dopo l'incontro tra il diggì e l'assessore, in settimana qualcosa si sarebbe mosso. E in settimana si è mosso più di qualcosa. Il giardiniere dell'Arezzo è tornato sui campini. Ha tagliato l'erba e oggi procederà ad una bella innaffiatura. Nell'attesa di rivederci gli amarant correre e sudare, per preparare la nuova stagione insieme all'abbraccio – da fuori la rete – dei soliti affezionati tifosi.