Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arezzo, lo psicologo: "Così si riparte". Intanto scende al terzo posto

Diego Polani

Francesca Muzzi
  • a
  • a
  • a

Arezzo, che succede? Il contraccolpo è stato duro. Abituati a fragole e champagne, è dura tornare poi a gazzosa e patatine. Magari una via di mezzo. Per non volare troppo e per non cadere di schianto. Ma i risultati sono sotto gli occhi di tutti. Nel senso che l'Arezzo ha sprecato due match ball e oggi è scivolato al terzo posto. Bastava una vittoria e un pari e il campionato si sarebbe riaperto. E' vero che l'obiettivo della società non è mai stato quello di vincerlo questo campionato, ma un successo tira l'altro e più di un pensiero ce lo fai. E ripiombare giù dopo Piacenza non è facile. La fatal Piacenza. L'anno scorso quando Sottili allenava il Bassano ci cascò e ci perse anche il secondo posto. Stesso risultato 3-1. A maggiore ragione dunque serve una scossa e non serve piangersi addosso o puntare il dito verso uno o l'altro. La società in questi giorni si farà sentire, come è giusto che sia e per riprendere un po' di tensione che in queste ore sembra si sia troppo allentata. Ma perché? La domanda l'abbiamo rivolta a Diego Polani, genovese di nascita, romano di adozione. Non si definisce un mental coach, quanto uno psicologo dello sport. Calcio, nuoto (aiuta anche gli atleti della Chimera Nuoto Arezzo), rugby. Sport individuali e sport singoli, lo psicologo Polani lavora con gli atleti ormai da una vita. Ma come affrontare questa settimana e soprattutto questa partita? “Bisogna prima di tutto essere tranquilli - risponde lo psicologo - e non pensare troppo. E' quello che dico sempre ai miei atleti quando attraversano questi momenti così. La gara successiva è un esame importante, ma proprio perché è importante il nostro cervello sa quello che deve fare. Senza pensarci troppo. Anzi, pensare a niente. Entrare i campo e giocare. Sono calciatori, sono bravi altrimenti non sarebbero nell'Arezzo. E quindi sanno quello che devono fare”. In sintesi battere la Cremonese. Come sanno fare. E come ci hanno abituato. A fragole e champagne. SERVIZIO COMPLETO SUL CORRIERE IN EDICOLA IL 21 FEBBRAIO 2017