Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arezzo, ancora? Ripreso, ma resta terzo. Sottili: "Ma quel fuorigioco a Corradi"

Francesca Muzzi
  • a
  • a
  • a

Altri due punti gettati al vento. Come contro il Pontedera, l'Arezzo si ripete contro la Giana. La formazione di Sottili viene raggiunta stavolta quasi allo scadere e butta via altri due punti. Aveva aperto le marcature Moscardelli, aveva replicato Yamga tutto nel primo tempo. Poi nella ripresa l'Arezzo è calato a dispetto di una Giana che invece ha cominciato a crederci. L'allenatore Albè ha cambiato anche modulo ed è stata lì la svolta della partita. Prima ha accorciato le distanze, mentre Arcidiacono allungava e poi ha di nuovo dimezzato e infine pareggiato. Ma c'è qualcosa che non va giù all'allenatore Sottili: "Il fuorigioco su Corradi era inesistente - dice - io ero in linea, è allucinante, assurdo, non so cosa guardasse l'assistente, non si può sbagliare in una situazione così nitida. Se avessimo avuto quel gol probabilmente la partita sarebbe andata diversamente e questa è la rabbia più grande". Bellissimo il tributo che la Sud ha riservato al capitano Davide Moscardelli che ha firmato il prolungamento del contratto. L'Arezzo resta comunque terzo col Livorno. Giovedì 13 aprile trasferta a Roma contro la Lupa.