Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arezzo: prima il corteo e poi la Pro Piacenza

Francesca Muzzi
  • a
  • a
  • a

Partirà alle 14.30 di domenica 12 novembre il corteo dei tifosi dell'Arezzo. Si muoverà da Piazza della Libertà, ritrovo alle 14 e poi passerà per le strade della città. L'arrivo allo stadio è previsto per le ore 15.30. Alle 16.30 poi ci sarà la partita contro la Pro Piacenza. Si torna al Comunale, dopo il pari poco esaltante col Gavorrano e per avviare un filotto di partite molto importanti. "Col Gavorrano - commenta mister Pavanel - abbiamo preso un punto buono e importante, anche se potevamo fare molto di più. Abbiamo creato molto ma finalizzato poco ed è proprio su questo che abbiamo lavorato". "Non voglio mettere troppa tensione addosso ai ragazzi - spiega - ma certo la vittoria in casa la vogliamo ad ogni costo. Adesso abbiamo due partite di fila in casa e vincerle entrambe non è mai facile, però dobbiamo fare quanto più possibile con tranquillità, con la giusta fiducia nei nostri mezzi, sereni e concentrati. Abbiamo molte armi, usiamole senza frenesia". Sos nel reparto arretrato, alle assenze della partita di Grosseto si aggiunge quella di Muscat che è impegnato con la Nazionale maltese. Pavanel potrebbe scegliere di cambiare modulo rispetto al tradizionale 3-5-2 anche se non è la soluzione preferita: "Abbiamo provato due soluzioni - anticipa - ma non abbiamo avuto molto tempo per fare grandi prove per cui non voglio fare cambiamenti che mettano a rischio la solidità acquisita. Ho due nomi in testa per sostituire Muscat. Ma non dobbiamo pensare alle defezioni, ho tante qualità individuali tra cui scegliere e tutte al servizio dell'Arezzo". Con tutta probabilità nel reparto arretrato toccherà a Talarico entrare dal primo minuto insieme a Rinaldi e Sabatino. Anche Ferrario torna a disposizione. "Ha lavorato sempre in gruppo negli ultimi giorni - dice Pavanel - potrebbe darci una bella mano ma non certo dall'inizio. E' stato fermo a lungo, non ha ancora tutta la partita sulle gambe, è inutile rischiare". Nella linea di centrocampo i cinque del match col Gavorrano: Luciani e Corradi sugli esterni con Foglia, De Feudis, Yebli al centro. Cutolo e Moscardelli tandem d'attacco.