Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Madre maltrattata denuncia il figlio 45enne: la picchiava per farsi dare soldi

Antonella Lunetti
  • a
  • a
  • a

Violenza di genere, due ordinanze di applicazione della misura cautelare dell'allontanamento dalla casa familiare, emesse dal gip del Tribunale di Arezzo dopo le indagini svolte da parte dei Carabinieri del Norm di Sansepolcro.  Il primo è un caso di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali aggravate contro la moglie. Destinatario del provvedimento cautelare emesso dall'autorità giudiziaria al termine delle indagini condotte dagli Carabinieri un operaio di anni 45, fiorentino, ma residente nel comune biturgense. La misura cautelare trae origine dalle attività investigative condotte dal personale operante a seguito della denuncia della donna. L'uomo, con condotte reiterate nel tempo, minacciava, insultava e umiliava la coniuge, madre dei suoi due figli minori, non accettando la decisione separazione ed arrivando in diverse circostanze ad aggredirla fisicamente, offendendone il decoro e la dignità e ponendola in uno stato di sofferenza morale e psichica tale da renderle la vita assolutamente impossibile. Nel secondo caso i maltrattamenti e lesioni personali aggravate sono state rivolte contro la madre da un 45enne fiorentino, ma biturgense di adozione, che per oltre un anno ha vessato la donna arrivando anche a picchiarla per farsi dare del denaro per i suoi acquisti. L'uomo è stato allontanato dall'abitazione su disposizione del giudice per le indagini preliminari del tribunale di Arezzo. A far scattare l'intervento è stata proprio la madre dell'uomo, esasperata per i maltrattamenti subiti e per le continue richieste di denaro da parte dei figlio. Alcuni giorni fa la donna, dopo aver subito una nuova violenza, ha deciso di denunciare il figlio alle forze dell'ordine. Con grande coraggio la donna si è presentata negli uffici della Compagnia Carabinieri ed ha denunciato le angherie subite da parte del figlio. Nella relazione, predisposta dai militari operanti ed inviata alla procura della Repubblica di Arezzo, sono descritti decine di episodi accaduti negli ultimi dodici mesi.