Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

La Ferla scrive a tutti gli anghiaresi

Francesca Muzzi
  • a
  • a
  • a

C'era tutta la Giunta Comunale schierata alla conferenza stampa del sindaco uscente di Anghiari, Riccardo La Ferla, nella quale ha spiegato i motivi (già ampiamente pubblicati dal Corriere di Arezzo) che lo hanno spinto a non ricandidarsi. Accanto a La Ferla c'erano il vice sindaco ed assessore all'urbanistica, all'assetto del territorio ed all'ambiente Sandro Attala, l'assessore alla scuola, alle politiche sociali ed alle politiche giovanili Giuseppe Ricceri, l'assessore al turismo, alle aree protette, al commercio e ai beni e alle attività culturali Miriam Petruccioli. "Innanzitutto - ha detto La Ferla - voglio ringraziare i componenti della Giunta per l'impegno e per il lavoro svolto, compreso ovviamente l'ex assessore Fabrizio Scartoni che circa un anno e mezzo fa per problemi di salute era stato costretto a lasciare il suo incarico. Abbiamo messo nero su bianco il resoconto di questi anni e lo invieremo nei prossimi giorni a tutte le famiglie anghiaresi per informare in maniera adeguata i cittadini. Quello che abbiamo fatto va considerato anche alla luce delle risorse intercettate e dei cambiamenti che ci sono stati in questo periodo, ad iniziare dai quattro governi che si sono alternati dal 2011 ad oggi e senza dimenticare i tanti provvedimenti che ci hanno obbligato a modificare le previsioni di bilancio e lavori. Nonostante la situazione complicata con cui ci siamo dovuti confrontare e nonostante le riduzioni di bilancio con cui abbiamo dovuto fare i conti sono soddisfatto di quello che abbiamo realizzato e di aver soprattutto garantito i servizi alle persone e alle famiglie, senza aumentare i costi, cosa che reputo molto importante. Per quello che riguarda lo specifico degli obiettivi raggiunti e le cose che abbiamo realizzato sarà nostra premura informare direttamente gli anghiaresi in modo assolutamente trasparente”. Il sindaco La Ferla ha poi spiegato la motivazione che lo ha portato a non presentare la sua candidatura per la tornata elettorale che a breve eleggerà il nuovo Primo Cittadino di Anghiari. “Avevo dato la mia disponibilità perché ero convinto di poter portare avanti il lavoro iniziato in questi anni e avrei avuto un grandissimo piacere nel concludere i progetti che volevamo realizzare e che non abbiamo terminato per mancanza di risorse. La decisione di non ricandidarmi per le prossime elezioni non c'entra niente con la politica, ma è conseguenza di situazioni personali e familiari che improvvisamente mi hanno obbligato a fare una scelta. Una scelta maturata esclusivamente perché non sono più in grado di essere presente così come lo sono stato finora, anche se spesso fuori di Anghiari visto che gli impegni del sindaco ormai non sono più solo all'interno di un ufficio. Situazioni personali mi impongono infatti di essere più vicino alla mia famiglia e al lavoro. E' stata una decisione molto dolorosa, ma mi reputo una persona seria e quindi con onestà e serietà ho detto che non sarei stato più in grado di svolgere con la giusta attenzione questo prestigioso incarico”.