Vietato dire non ce la faccio più

Leonardo e la voglia di viaggiare

09.05.2016 - 10:46

0

Mi chiedo sempre perché gli uccelli stiano fermi nello stesso posto quando possono volare ovunque sulla Terra. Poi faccio la stessa domanda a me stesso”. Così ha scritto Harun Yahya. Perché non si parte sempre per fuggire da qualcosa, ma si può partire perché, come dice Leonardo "si cerca qualcosa di diverso. Il mio obiettivo è conoscere il mondo coi miei occhi, oltre quello che si vede nei telegiornali"
Leonardo nasce e cresce a Siena a pane e contrada. Un amore per le proprie radici che non mette mai in discussione e che sente di apprezzare ancora di più ogni volta che torna da uno dei suoi viaggi. Ma "il mondo va conosciuto" ed è un'esigenza che scopre a 22 anni quando "per la prima volta ho fatto un viaggio un po' diverso dalla solita vacanza. Sono stato con i miei in Marocco. Per me era tutto nuovo, quasi un altro mondo e sono rimasto spiazzato".
Una volta tornato Leonardo sente subito il bisogno di ripartire, di mettersi in gioco. Da solo. Così parte per la Birmania "quando vai in certi posti è come un viaggio indietro nel tempo. Ti colpisce quanto le persone riescano a vivere davvero con poco, con semplicità e essere comunque felici"
Viaggiare significa conoscersi, mettersi alla prova, ti costringe a superare i tuoi stessi limiti "proprio durante quel viaggio, ero a bordo di una chiatta. Si è rotto il faro mentre stava facendo buio e abbiamo dormito così, fermi in mezzo al fiume" Perché a volte c'è anche la paura, ma lui è fatalista "se mi deve succedere qualcosa, può capitare ovunque, ma almeno mi succede mentre sto vedendo il mondo"
Leonardo ha saputo volgere a proprio favore anche il fatto che, come tanti suoi coetanei italiani, passa da un contratto a tempo determinato all'altro. Ma questo precariato ha significato anche la possibilità di guardare altrove. "Quando torno in Italia, mi scatta subito di nuovo l'adrenalina del viaggio". E così di nuovo è andato all'avventura: in India, in Turchia. E sempre da solo "è chiaro che i miei genitori, la mia ragazza sono un po' preoccupati, ma sono anche contenti perché sanno quanto per me sia importante partire"
Perché i viaggi migliori sono proprio quelli che si fanno da soli, all'avventura, in posti lontani da noi, non solo come distanza in chilometri, ma in cultura, mentalità. Quei viaggi in cui possiamo riscoprire la compagnia di qualcuno di cui invece nella vita quotidiana spesso ci dimentichiamo: noi stessi.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Fiamme e fuoco a Barcellona paralizzata dalle proteste, le immagini

Fiamme e fuoco a Barcellona paralizzata dalle proteste, le immagini

(Agenzia Vista) Roma, 18 ottobre 2019 Fiamme e fuoco a Barcellona paralizzata dalle proteste, le immagini Oltre mezzo milione di persone scese in piazza a Barcellona, cariche della polizia e arresti. Le proteste contro la condanna al carcere per i nove leader separatisti catalani. Almeno 44 i feriti. Le riprese dell'onorevole Palazzotto. Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev agenziavista.it

 
Barricate e scontri a Barcellona, mezzo milione in piazza

Barricate e scontri a Barcellona, mezzo milione in piazza

(Agenzia Vista) Roma, 18 ottobre 2019 Barricate e scontri a Barcellona, mezzo milione in piazza Oltre mezzo milione di persone scese in piazza a Barcellona, cariche della polizia e arresti. Le proteste contro la condanna al carcere per i nove leader separatisti catalani. Almeno 44 i feriti nella giornata di scontri. Le riprese dell'onorevole Palazzotto. Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev ...

 
Barcellona in fiamme, proteste in piazza

Barcellona in fiamme, proteste in piazza

(Agenzia Vista) Roma, 18 ottobre 2019 Barcellona in fiamme proteste in piazza Oltre mezzo milione di persone scese in piazza a Barcellona, cariche della polizia e arresti. Le proteste contro la condanna al carcere per i nove leader separatisti catalani. Almeno 44 i feriti nella giornata di scontri.Le riprese dell'onorevole Palazzotto. Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev agenziavista.it

 
L'applauso della Leopolda a Cantone, Renzi: "Esempio a livello internazionale"

L'applauso della Leopolda a Cantone, Renzi: "Esempio a livello internazionale"

(Agenzia Vista) Firenze, 18 ottobre 2019 L'applauso della Leopolda a Cantone, Renzi: "Esempio a livello internazionale" "Cantone esempio a livello internazionale". Così Matteo Renzi all'apertura della decima edizione della Leopolda. /courtesy Facebook Matteo Renzi Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev agenziavista.it

 
"Arezzo Classica" apre con "Le Quattro Stagioni" e lo spettacolo di sabbia

La rassegna

"Arezzo Classica" apre con "Le Quattro Stagioni"

“Le Quattro Stagioni” di Vivaldi diventano spettacolo di sabbia per inaugurare “Arezzo Classica” la rassegna dedicata alla grande musica sinfonica e da camera voluta da ...

12.10.2019

"Sud Wave", Mauro Valenti e Sugar lanciano un "ponte" tra Arezzo e Parigi con la musica contemporanea

Il festival

"Sud Wave", Mauro Valenti e Sugar lanciano il festival

Parigi chiama, Arezzo risponde: un’onda di musica connetterà l’Europa del sud. Dai concerti in Francia alla “borsa mercato” della migliore musica contemporanea, all’omaggio ...

07.10.2019

Stagione di prosa al Teatro Petrarca: su il sipario a novembre con "La scuola delle mogli"

Arezzo

Stagione Teatro Petrarca: su il sipario a novembre 

Si alza il sipario sulla stagione teatrale che la Fondazione Guido d’Arezzo, insieme alla Fondazione Toscana Spettacolo onlus e Comune di Arezzo, propongono al Teatro ...

05.10.2019