Vietato dire non ce la faccio più

Il cuore del Conolly

16.08.2016 - 09:05

0

Ci sono suoni, odori, luoghi che nel momento in cui li viviamo ci riportano altrove. Marcel Proust la chiamava "intermittenza del cuore", come quando ne “La strada di Swann” il biscotto Madeleine riporta alla memoria le giornate con la zia.
Ma esiste anche un'intermittenza del cuore collettiva perché esiste una memoria collettiva che è quella che riguarda ciò che non abbiamo vissuto, ma che ci hanno raccontato e tramandato.
Siena è una città che proprio per la sua storia, è ricca di questi luoghi. Uno di questi è sicuramente il San Niccolò, oggi sede universitaria, ma prima Ospedale psichiatrico.
Quelle mura racchiudono in sé la storia di tutti coloro che vi sono passati, quando il malato psichiatrico, prima della legge Basaglia del 1978 era concepito come qualcuno da contenere, prima ancora che da curare e raccoglieva i casi più diversi. Nei primi anni del Novecento bastava essere ribelli per essere "rinchiusi in manicomio", diventò uno strumento di repressione politica, sociale. Là venivano collocate anche persone senza reali problemi psichiatrici, ma le "persone scomode", addirittura i bambini non voluti, abbandonati.
Oggi quel luogo da racconto di dolore è diventato un luogo di gioia, dove gli studenti si incontrano, conseguono i loro risultati, ma per tutti rimane "il manicomio". Tra quelle mura è rimasto però anche un luogo inutilizzato: il padiglione Conolly che sta cascando a pezzi, sotto gli occhi impotenti di chi ogni giorno passa di lì. Poi un giorno, Andrea Friscelli, il fondatore della Cooperativa La proposta nata in seguito alla legge Basaglia, con l'obiettivo di inserire nelle proprie attività soggetti con disagio psichiatrico o in situazioni di marginalità sociale, passando lì davanti ha deciso che era il momento di fare qualcosa per salvare il Conolly.
Oggi il padiglione è infatti in gara tra i “Luoghi del cuore”, la campagna promossa dal Fai per salvare posti abbandonati che appartengono alla nostra storia.
Il padiglione Conolly era quello dedicato ai cosiddetti clamorosi, agli agitati. Quelle mura raccontano ancora quel dolore tramite i segni di coloro che contavano i giorni verso una libertà che non arrivava mai, da una società e da una scienza che non aveva ancora imparato come prendersi cura di loro nella maniera adeguata. Lo dobbiamo a quelle persone il salvataggio del Conolly, hanno passato le loro esistenze da scomodi, da invisibili. Dobbiamo noi, oggi, restituire loro una dignità, conservando la loro memoria. Che è anche la nostra.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Patrick Zaki, Fedeli (PD): "Chiesto a Governo di mandare delegazione in Egitto per fare pressione"

Patrick Zaki, Fedeli (PD): "Chiesto a Governo di mandare delegazione in Egitto per fare pressione"

(Agenzia Vista) Roma, 20 febbraio 2020 Patrick Zaki, Fedeli (PD): "Chiesto a Governo di mandare delegazione in Egitto per fare pressione" "Chiesto a Governo di mandare delegazione in Egitto per fare pressione". Così la Senatrice del Partito Democratico Valeria Fedeli, intervenuta a margine della fiaccolata davanti al Pantheon a Roma in solidarietà a Patrick Zaki, il giovane studente egiziano ...

 
Fiaccolata per Patrick Zaki, i manifestanti cantano 'Bella Ciao'

Fiaccolata per Patrick Zaki, i manifestanti cantano 'Bella Ciao'

(Agenzia Vista) Roma, 20 febbraio 2020 Fiaccolata per Patrick Zaki, i manifestanti cantano 'Bella Ciao' Fiaccolata davanti al Pantheon a Roma in solidarietà a Patrick Zaki, il giovane studente egiziano iscritto a un master dell’università di Bologna arrestato in Egitto. Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev agenziavista.it

 
Patrick Zaki, fiaccolata al Pantheon in solidarietà allo studente arrestato in Egitto

Patrick Zaki, fiaccolata al Pantheon in solidarietà allo studente arrestato in Egitto

(Agenzia Vista) Roma, 20 febbraio 2020 Patrick Zaki, fiaccolata al Pantheon in solidarietà allo studente arrestato in Egitto Fiaccolata davanti al Pantheon a Roma in solidarietà a Patrick Zaki, il giovane studente egiziano iscritto a un master dell’università di Bologna arrestato in Egitto. Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev agenziavista.it

 
La sfida di Djokovic, un minuto nel torrente gelato

La sfida di Djokovic, un minuto nel torrente gelato

(Agenzia Vista) Alto Adige, 20 febbraio 2020 La sfida di Djokovic, un minuto nel torrente ghiacciato Il campione di tennis Novak Djokovic si è immerso nell'acqua gelida di un piccolo torrente in Alto Adige in compagnia dell'amico Constantine, riuscendo a rimanere seduto per un minuto e 45 secondi. "Lancio questa battaglia a chiunque. Deve essere in inverno, deve fare molto freddo. Dev’essere ...

 
Video Botta e risposta su Instagram tra Francesco Totti e Vasco Rossi: una storia che lascia Senza parole

Social

Video Botta e risposta su Instagram tra Francesco Totti e Vasco Rossi: una storia che lascia Senza parole

Simpatico botta e risposta video su Instagram tra Francesco Totti e Vasco Rossi. L'ex capitano della Roma si è presentato alla festa della cognata Silvia, sorella di Ilary ...

20.02.2020

Il paradiso delle signore, anticipazioni su Adelaide di Sant'Erasmo. Cosa accadrà alla contessa

Soap

Il paradiso delle signore, anticipazioni su Adelaide di Sant'Erasmo. Cosa accadrà alla contessa

Il paradiso delle signore dovrà fare a meno di tre settimane di Adelaide di Sant'Erasmo, la contessa impersonata da Vanessa Gravina. L'attrice inizia oggi, 20 febbraio, al ...

20.02.2020

Video. Foto prima della neve, Samanta Togni si mette in posa ma il marito la prende in giro e non scatta

Social

Video Foto prima della neve, Samanta Togni si mette in posa ma il marito la prende in giro e non scatta

"Quando aspetti la foto e lui si diverte così". E' il commento che Samanta Togni affida all'ennesimo video pubblicato sulle Instastories del suo profilo Instagram. La ...

20.02.2020