Vietato dire non ce la faccio più

La battaglia delle Mariposas

28.11.2016 - 10:49

0

Abbiamo celebrato tutti la “Giornata per dire No alla violenza sulle donne”, l'abbiamo tutti osannata con spot più o meno intelligenti, più o meno credibili. In pochi sappiamo perché è proprio il 25 novembre.
Per ricordare tre donne: le sorelle Mirabal che si facevano chiamare Mariposas (farfalle), quelle che fecero esclamare al dittatore Trujill : "Ho solo due problemi: la Chiesa cattolica e le sorelle Mirabal".
Già, perché le tre donne vengono uccise il 25 novembre del 1960 a bastonate. La loro colpa? Aver lottato per la libertà, contro ogni dittatura. Ecco perché questa data è importante non per ricordare agli uomini che non si picchia, che le donne non sono proprietà, ma come monito per le donne stesse a lottare per la libertà. Una celebrazione che relega la donna al ruolo della vittima non rende giustizia al sacrificio delle tre Mariposas e di tutte le altre che sono morte per mano di un uomo. Dovrebbe essere infatti anche la giornata di quelle donne che ogni giorno combattono la propria battaglia, non solo contro chi le picchia, fa su di loro violenza fisica, ma anche contro la violenza psicologica, quelle donne che uno schiaffo non l'hanno mai ricevuto, eppure hanno l'anima piena di lividi. Quelle a cui ogni giorno il compagno, il marito ripete che non sono all'altezza, che non sono capaci di qualcosa, che non sono belle abbastanza, che sono ancora troppo acerbe per pretendere o troppo mature per pretendere ancora.
Di quelle donne, ne sono certa, nonostante le campagne di sensibilizzazione, ne conosciamo tutti almeno una. E sono altrettanto certa che una volta nella vita ognuna di noi è stata discriminata perché donna. Quando facciamo un colloquio di lavoro e ci preferiscono un uomo perché "siamo in età fertile", perché ancora, in troppi casi, siamo costrette a scegliere se essere donne in carriera o madri di famiglia. Quando indossiamo una gonna corta e qualcuno fa apprezzamenti pesanti mettendoci a disagio. Quando, nel 2016, c'è ancora chi insegna ai bambini che certi giochi sono da "maschietto" e altri da "femminuccia".
Ecco perché il 25 novembre è il giorno in cui ricordiamo coloro che per la violenza maschile sono morte. In molte città abbiamo trovato vie, piazze colme di scarpe rosse a ricordarle, come caduti di una battaglia. Ma c'è anche molto altro perché è la battaglia di tutte noi, ogni giorno. Allora indossiamo un'armatura di amor proprio e aiutiamoci l'un l'altra. 

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Patrick Zaki, Fedeli (PD): "Chiesto a Governo di mandare delegazione in Egitto per fare pressione"

Patrick Zaki, Fedeli (PD): "Chiesto a Governo di mandare delegazione in Egitto per fare pressione"

(Agenzia Vista) Roma, 20 febbraio 2020 Patrick Zaki, Fedeli (PD): "Chiesto a Governo di mandare delegazione in Egitto per fare pressione" "Chiesto a Governo di mandare delegazione in Egitto per fare pressione". Così la Senatrice del Partito Democratico Valeria Fedeli, intervenuta a margine della fiaccolata davanti al Pantheon a Roma in solidarietà a Patrick Zaki, il giovane studente egiziano ...

 
Fiaccolata per Patrick Zaki, i manifestanti cantano 'Bella Ciao'

Fiaccolata per Patrick Zaki, i manifestanti cantano 'Bella Ciao'

(Agenzia Vista) Roma, 20 febbraio 2020 Fiaccolata per Patrick Zaki, i manifestanti cantano 'Bella Ciao' Fiaccolata davanti al Pantheon a Roma in solidarietà a Patrick Zaki, il giovane studente egiziano iscritto a un master dell’università di Bologna arrestato in Egitto. Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev agenziavista.it

 
Patrick Zaki, fiaccolata al Pantheon in solidarietà allo studente arrestato in Egitto

Patrick Zaki, fiaccolata al Pantheon in solidarietà allo studente arrestato in Egitto

(Agenzia Vista) Roma, 20 febbraio 2020 Patrick Zaki, fiaccolata al Pantheon in solidarietà allo studente arrestato in Egitto Fiaccolata davanti al Pantheon a Roma in solidarietà a Patrick Zaki, il giovane studente egiziano iscritto a un master dell’università di Bologna arrestato in Egitto. Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev agenziavista.it

 
La sfida di Djokovic, un minuto nel torrente gelato

La sfida di Djokovic, un minuto nel torrente gelato

(Agenzia Vista) Alto Adige, 20 febbraio 2020 La sfida di Djokovic, un minuto nel torrente ghiacciato Il campione di tennis Novak Djokovic si è immerso nell'acqua gelida di un piccolo torrente in Alto Adige in compagnia dell'amico Constantine, riuscendo a rimanere seduto per un minuto e 45 secondi. "Lancio questa battaglia a chiunque. Deve essere in inverno, deve fare molto freddo. Dev’essere ...

 
Grande Fratello vip 2020, trasgressione di Asia Valente: la modella è a rischio squalifica appena entrata

Nella Casa

Grande Fratello vip 2020, trasgressione di Asia Valente: la modella è a rischio squalifica appena entrata

Movimentata la Casa del Grande Fratello vip 4 in queste ore. Asia Valente, la modella nota per il suo lato B, è già a rischio squalifica per una presunta trasgressione al ...

20.02.2020

Video Botta e risposta su Instagram tra Francesco Totti e Vasco Rossi: una storia che lascia Senza parole

Social

Video Botta e risposta su Instagram tra Francesco Totti e Vasco Rossi: una storia che lascia Senza parole

Simpatico botta e risposta video su Instagram tra Francesco Totti e Vasco Rossi. L'ex capitano della Roma si è presentato alla festa della cognata Silvia, sorella di Ilary ...

20.02.2020

Il paradiso delle signore, anticipazioni su Adelaide di Sant'Erasmo. Cosa accadrà alla contessa

Soap

Il paradiso delle signore, anticipazioni su Adelaide di Sant'Erasmo. Cosa accadrà alla contessa

Il paradiso delle signore dovrà fare a meno di tre settimane di Adelaide di Sant'Erasmo, la contessa impersonata da Vanessa Gravina. L'attrice inizia oggi, 20 febbraio, al ...

20.02.2020