Blockchain dell'agroalimentare, l'importanza di standard comune

Frausin (Gs1 Italy): Spingere per un linguaggio internazionale

07.05.2019 - 19:30

0

Milano, 7 mag. (askanews) - Si annuncia come una vera rivoluzione per la filiera agroalimentare e non solo. Parliamo di blockchain, una tecnologia che promette sicurezza al consumatore finale, valorizzazione e tutela del made in Italy e vantaggio competitivo per chi la adotta. Di come implementarla si è discusso nel convegno La blockchain per la tutela delle produzioni italiane di qualità, organizzato nell'ambito di TuttoFood a Milano. A introdurre la discussione il ministro delle Politiche agricole, Gian Marco Centinaio a cui è seguita una tavola rotonda che ha visto tra gli altri la partecipazione di Gs1 Italy, l'associazione che riunisce 35mila imprese italiane deputata al rilascio dei codici a barre. Abbiamo chiesto al presidente Alberto Frausin cosa è la blockchain applicata a una filiera come quella agroalimentare:

"La blockchain parte dalla necessità di essere tracciabili. La tracciabilità la si trasferisce con dei server che registrano gli eventi, i momenti del ciclo di vita del prodotto. Quindi senza tracciabilità è inutile parlare di blockchain"

Prerequisito perchè la blockchain funzioni è l'interoperabilità globale, ovvero la capacità di garantire le interazioni e la massima condivisione delle informazioni, come ci ha confermato il ministro Centinaio:

"La blockchain serve nel momento in cui viene condivisa il più possibile. Quando parliamo di Made in Italy, qualità e tutela, questo può diventare lo strumento che serve a tutelare produttori e consumatori. Il nostro obiettivo è di lavorare con un tavolo di lavoro aperto al ministero".

Fondamentale per l'interoperabilità è l'utilizzo di uno standard comune, capace di parlare a tutti gli attori in ogni angolo del Pianeta, un concetto sottolineato durante la tavola rotonda anche dal presidente di Euranet Gianpaolo Sara. E in questo senso Gs1 Italy con i propri standard si propone come principale interlocutore:

"Mi spaventa moltissimo quando dicono siamo partiti con la nostra blockchain. Non esiste una nostra blockchain, esiste un unico linguaggio che è il linguaggio globale. Gs1 ha il vantaggio di aiutare ad avere l'unico linguaggio che è quello globale. Per altro noi siamo un Paese che vive di esportazioni e l'agroalimentare ha fatto dei passi enormi, a maggior ragione noi dobbiamo essere quelli che spingono l'adozione di linguaggi internazionali perchè ne abbiamo solo dei vantaggi".

Come gli standard Gs1 possano rivelarsi utili nello sviluppo della blockchain è presto detto:

"Nel passato come industria ricevevamo i prodotti con l'etichetta già stampata e il codice a barre già stampato, questo garantiva l'identificazione del lotto non del prodotto. A questo punto il processo già previsto nel campo farmaceutico che prevede dei numeri in più a questo punto il prodotto avrà un nome e cognome, quindi non solo avremo tutte le indicazioni contenute oggi nel codice a barre ma quel prodotto sarà singolo, unico che permetterà di tracciare quel prodotto".

A guidare questo radicale cambiamento ancora una volta sembra essere il mondo della grande distribuzione che per dirla con le parole di Maria Chiara Ferrarese, vicepresidente di Csqa, "quando si muove vuol dire che qualcosa sta succedendo":

"La Gdo - ha detto ad Askanews il presidente di Gs1 Italy Alberto Frausin -potrebbe guidare questo processo e in parte lo sta facendo, ma ci sono attori industriali che coprono la filiera che giocheranno la partita. Oggi però il confine tra retail e industria sta scomparendo e tra qualche anno non discuteremo più di questo argomento"

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Coronavirus, la Marina licenzia il capitano che salvato l'equipaggio. Saluto da brividi dei suoi ragazzi
STATI UNITI

Coronavirus, la Marina licenzia il capitano che salvato l'equipaggio. Saluto da brividi dei suoi ragazzi

L'ultima missione rimarrà nella storia. Con centinaia di marinai, a bordo della portaerei Theodore Roosevelt, ad applaudire il capitano Brett Crozier. Il comandante che ha sacrificato la sua carriera navale scrivendo una lettera di fuoco ai suoi superiori lanciando un appello per il suo equipaggio contagiato dal Coronavirus e fermo al largo di Guam, in Micronesia. Nella missiva la richiesta di ...

 
Coronavirus, gli studenti italiani bloccati in Honduras sono arrivati in Italia
Buona notizia

Coronavirus, gli studenti italiani bloccati in Honduras sono arrivati in Italia

I 34 studenti italiani bloccati in Honduras dall'emergenza Coronavirus, sono arrivati in Italia.  L'aereo che da Francoforte li ha trasferiti a Roma è atterrato al tramonto. E' stata una lunga odissea quella degli studenti che si trovavano in Honduras per una vacanza studio che sarebbe dovuta durare un anno. Tra loro anche due senesi, Roberta Gambassi e Ginevra Brogi, ed una di Montevarchi, ...

 
La musica rock di Vasco Rossi contro il virus: i dischi del Comandante indossano la mascherina
Social

La musica rock di Vasco Rossi contro il virus: i dischi del Kom con la mascherina

La musica di Vasco Rossi al tempo del Coronavirus? Indossando rigorosamente la mascherina. Il rocker italiano continua la sua battaglia sui social contro il Covid-19. Nei giorni scorsi ha postato un nuovo video particolarmente significativo, che pubblichiamo. Le immagini ripropongono le copertine di alcuni suoi storici dischi in cui è ritratto. Indossa però puntualmente la mascherina, ovviamente ...

 
Staffelli testimonial per i Carabinieri: Restate a casa, altrimenti battaglia più lunga"

Staffelli testimonial per i Carabinieri: Restate a casa, altrimenti battaglia più lunga"

(Agenzia Vista) Roma, 03 aprile 2020 Staffelli testimonial per i Carabinieri: Restate a casa, altrimenti battaglia più lunga" I Carabinieri su Twitter: "Dal nostro amico Valerio Staffelli un messaggio importante: in questa battaglia abbiamo bisogno dell’aiuto di tutti. Restiamo uniti e ce la faremo" Fonte Carabinieri Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

 
Amici 2020 serale, Javier vince il premio della critica nella finale che ha visto trionfare Gaia

Talent

Amici 2020 serale, Javier vince il premio della critica nella finale che ha visto trionfare Gaia

Amici 2020 serale, ha visto la vittoria di Gaia. La cantante si è battuta con Javier nella finalissima. Gli altri due finalisti erano stati eliminati in precedenza: Nicolai e ...

04.04.2020

Amici 2020 serale, ha vinto Gaia: la cantante supera Javier. Lacrime di gioia

Talent

Amici 2020 serale, ha vinto Gaia: la cantante supera Javier. Lacrime di gioia

Amici 2020 serale, la finale di venerdì 3 aprile su Canale 5 ha visto il trionfo di Gaia Gozzi. All'annuncio del successo, la cantante scoppia in lacrime: "Grazie perché mi ...

04.04.2020

Amici 2020 serale, Javier in finale con Gaia: ne restano due per la vittoria finale Video

Televisione

Amici 2020 serale, Javier in finale con Gaia: ne restano due per la vittoria finale Video

Amici 2020 serale, la finalissima è tra Javier e Gaia. Il ballerino ha vinto il ballottaggio con Giulia nella finale del 3 aprile 2020. Sono così rimasti solo loro due in ...

04.04.2020